Personaggi degli Iblei di ieri… di Domenico Pisana

Il medico modicano Elio Galfo, il poeta amante della natura
Tempo di lettura: 8 minuti

Elio Galfo è nato il 27 giugno 1925 a Modica. Dopo la laurea in medicina presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Padova, si è specializzato in Pediatria nel 1952, dedicandosi con passione all’attività pediatrica.
Medico di riferimento per tante famiglie modicane si distinse per la sua capacità di coniugare alla sua professione anche la passione per la cultura e la poesia dialettale. Il suo tempo libero veniva sempre dedicato alla lettura di libri e alla partecipazione anche a concorsi letterari, tra i quali il Premio nazionale Quasimodo, ove si classificò al primo posto. Fra le sue passioni vi era anche la caccia, vissuta come “momento dell’anima”, spazio di percezioni di libertà, più che come una cattura della selvaggina. La caccia era motivo di immersione in quelle atmosfere della natura che tanto espressione trovano nelle sue opere poetiche. Morì il 14 ottobre 1996 all’età di 71 anni.

1.Le opere poetiche: “Momenti” (1977) e “La sira va Calannu”(1982)

I primi passi del poetare di Galfo trovano il loro approdo nelle sillogi Momenti (1982) e La sira va calannu(1982) nelle quali egli lascia intravedere l’inizio della sua parabola esistenziale.
I titoli dei due volumi sono già per se stessi portatori di efficacia semantica e di una sintesi dei principali dettami interiori dell’autore. In Momenti, raccolta pubblicata all’età di 52 anni, Galfo dà spazio ad una poetica che porta sulla pagina gli affetti familiari, l’amore per la madre e la moglie, nonché la passione per l’attività venatoria, che, nelle sue poesie, si colora di tutte quelle descrizioni che la rendono più uno sport e un contatto con la natura che un annientamento dei volatili e degli animali.
La versificazione è tutta giuocata su una oscillazione psicologica che alterna alla malinconia momenti di speranza e di serena riconciliazione interiore. Nella raccolta dialettale La sira va calannu è la sera a fare da atmosfera alla versificazione di Galfo:
a) è la sera concepita dal poeta come luogo lirico in cui egli scruta la coscienza:

“Mentri talìu stu suli ca tramunta,
e si ni cala sutta la muntagna,
iu spieru ca rumani ancora spunta
pà sciucari stu piantu ca mi vagna!”
(Mori la notti – Aciddu aciddu agghiorna)

b) è la sera intesa come “dimora dell’anima”, in cui l’io poetante trova il suo conforto e riesce a dimenticare temporaneamente la pena del vivere:

“Notti ca mi fai ròmmiri e sunnari
rammi cunfuortu ri lu mò suffriri,
notti ca fai li peni tu scurdari,
fammìllu ancora st’autru piaciri…”
(Sti lacrimi ca sunu tantu amari)

c) ed è, ancora, la sera vista nella sua pacificità, in cui il poeta si abbandona alla contemplazione e i suoi occhi posano lo sguardo sulla campagna silente che dà serenità e lo estranea dalla farraginosità del vivere quotidiano:

“Cala la sira e dormi la campagna,
ntà ‘n suonnu aruci tutta si sprufunna;
spunta la luna supra la muntagna
ri tanti stiddi tuttu u cielu abbunna.

Lu ma cori sirenu nun si lagna,
rintra a natura tuttu si sprufunna!
Quantu piaciri rintra si varagna
fora rò munnu senza baraunna.”
(Si muovunu li spichi comu l’ unna)

2.La silloge “e la natura pari na vitrina”

La natura è l’asse portante della terza silloge, che si presenta meno descrittiva, più ricca di liricità, grazie alla contemporanea libera traduzione di Saverio Saluzzi. Proprio in “e la natura pari na vitrina” (1989) risultano meritevoli di attenzione tre aspetti: la celebrazione della natura; l’inquietudine esistenziale di Galfo nella sua venatura crepuscolare; la traduzione in lingua italiana di Saverio Saluzzi.

2.1. La celebrazione della natura

Per la trattazione di questo aspetto, ci sembra utile partire proprio dalla poesia che titola, in parte, questa seconda raccolta di Galfo, e cioè la lirica Pari na vitrina.
Si tratta di un meraviglioso bozzetto idillico, incastonato in un paesaggio fatto di luci, di canto, di sussurri e nel quale l’autore proietta il suo stato d’animo godendosi la quiete della sera sotto il chiarore della luna:

“Supra na maccia canta l’usignolu,
ri nu ruviettu a merra ci rispunni,
lu cappuzzieddu pigghia u primu vuolu,
lu scuru cu l’allustru si cunfunni.

‘Nto cielu c’è la stidda ra matina
e a luna ca fa lustru a la luntana;
canta lu iaddu cu la vuci cina
mentri- u cunigghiu trasi ‘nta sò tana.

Qui, come si può notare, il poeta si smarrisce stupefatto tra le vibrazioni di una colloquialità che intercorre tra l’usignolo e la merla (“canta l’usignolu… a merra ci rispunni”); s’immerge nel volo della cappellaccia (“Lu cappuzzieddu pigghia u primu vuolu.”) e descrive i primi lineamenti del giorno attraverso il canto del gallo e l’annidarsi del coniglio nella tana.
Tutto questo scenario è così piacevole che il poeta non può fare a meno di concludere dicendo: “pari na vitrina”. La poesia di Galfo, dunque, è celebrazione della natura in quanto luogo di vita; è esaltazione e rapporto vitale con il creato.
“… vuogghiu ristari ammienzu a la natura…”: così scrive il poeta, perché, per lui, questa è fonte di significati, è la sorgente di una esegesi dell’esistenza correlata, nel contesto di una dinamica analogica, alle modificazioni del dato naturale.
L’insistente iterazione, nel volume, su alcuni nuclei tematici non è pertanto assenza di nuovi impulsi lirici ispiratori, ma spiega questo atteggiamento amorevole del poeta verso la natura, dentro la quale legge e disegna la parabola della sua vita e con la quale stabilisce una sorta di colloquio, testimoniato, del resto, a livello, di vocabolario, anche dal ricco uso di elementi paesaggistici: “rama”, “cielu”, “suli”, “miennuli”, “nuci”, “piersichi”, “puma”, “ficu”, “luna”, “stiddi”, “vientu”, “primavera”, “aucidduzzu”, “lininedda”, “lucerta”, “nuvuli”, “acqua”, “mari”, “cicala”, “pampini”, “giuri”, “farfalla”, “negghia”, “aulivi”, “pini”, “cieusi”, “parmi”, “violi”, “rosi e giarsuminu”, “notti”, “muntagna”, “campagna”, “erbi”,“vignala”, “ciumi”, “iardinu”, etc.
È, questo, l’entourage entro cui trova senso il poetare di Galfo; è questo il campo ideazionale del suo itinerario lirico e il mondo ove egli tratteggia le linee di un processo spesse volte autobiografico, se è vero, come è vero, che nelle sue poesie si riscontra una frequenza di aggettivi possessivi e di pronomi personali e riflessivi di prima persona.
Parlavamo precedentemente di celebrazione della natura nella poesia di Galfo; ebbene si tratta di una celebrazione che si sviluppa come “scansione ritmica” del dato naturale nel quadro dell’alternarsi delle stagioni e di un movimento di corrispondenze tra i mutamenti del tempo e gli stati d’animo del poeta.
Analizziamo, allora, alcune poesie dove si trova stagliata chiaramente questa scansione ritmica, iniziando con “Torna la lininedda”:

Agghiorna u tiempu e torna primavera,
si senti ghià nall’aria la calura,
tutta a campagna pari ‘na ciurera,
canta l’aucidduzzu e s’annamura…

Torna la lininedda a primavera,
s’affaccia la lucerta tra li mura,
ed iu mi scuordu tutti li pinzera
rintra sta vita cina ri culura…

Mi sientu comu sciutu ra calera,
vuogghiu ristari ammienzu a la natura
anchi se sugnu ‘n funnu a na trazzera!

Vuogghiu aspittari ca la sira scura,
pirchì lu cielu è cinu ri mistera
e mi mci lu cori e m’annammura!”

In questa lirica c’è il paesaggio festoso della primavera, delineato con pochi tratti sensoriali (“… si senti ghià nall’ aria la calura…”), con tratti visivo-coloristici (“… tutta a campagna pari ‘na ciurera…”), e, infine, contratti di musicalità e di godimento di sguardi (“… canta ‘l’auciidduzzu…; torna la lininedda a primavera…; … s’affaccia la lucerta tra li mura…”).
Questo componimento non è una semplice descrizione idillica, ma costituisce uno scenario nel quale il poeta trasborda tutta la sua interiorità e il suo stato d’animo gaio, libero e ricondotto quasi nella dimensione della rinascita: “… Mi sientu comu sciutu ra calera”.
In un’altra lirica, “Sira ri stati” è, invece, il paesaggio estivo che Galfo coglie nella sua bellezza:

“U suli s’addumisci rintra ò mari,
‘ddiventa rosa u cie1u ri culuri,
e na stidda ghià ‘nfunnu dà cumpari,
cala la sira e porta tantu amuri…

Si senti la cicala ghià cantari,
e ri la luna spunta lu ciaruri;
prontu è lu cori pi’ putiri amari…
scurri lu sancu cinu ri caluri!

Ora ri l’unna sienti lu frusciari,
ré rami sienti murmurìu r’amuri;
si vàsunu la luna cu lu mari,
si vàsunu li pàmpini e li ciuri!

Sira ri stati! Cu’ ti po’ scurdari!
Anchi se ora ‘rresta lu duluri,
ca tu ti ‘nn’isti e nun puoi ciù turnari!
Comu nun torna ciù lu primu amuri!”

Lo scenario di questa poesia è meraviglioso; sembra quasi articolato come quando l’artista procede ad una armoniosa distribuzione di pennellate sulla tela:

U suli s’ addumisci rintra ò mari…; cala la sira…
… ddiventa rosa u cielu ri culuri…
… ri la luna spunta lu ciaruri…

Per queste immagini il poeta coniuga parole onomatopeiche che arricchiscono lo scenario di un intreccio di suoni che concorrono alla creazione di una visione d’incanto di fronte alla quale egli resta ammirato: “la cicala ghià canta…; ri l’unna sienti lu frusciari…; … ré rami sienti murmurìu r’ amuri…; … si vàsunu la luna cu lu mari, / si vàsunu li pampini e li ciuri! . .
C’è, in questa lirica, una sinfonia d’amore tra elementi paesaggistici, nella quale Galfo accampa i suoi sentimenti e le effusioni del suo cuore, sì da affermare: “Sira ri stati! Cu’ ti po’ scurdari!”
L’avvicinarsi dell’autunno con il suo primo vento, le prime nubi, gli ultimi volteggiamenti di rondini, come pure l’inverno con tutti i suoi fenomeni atmosferici (“vientu”, “brizzi”, “timpesti”) influenzano gli umori del poeta e i suoi canali sensoriali e stimolano in lui una riflessione sul trascorrere del tempo. Si leggano, a riguardo, le liriche “Ma quannu rapu l’uocci”, “Lacrimi scinnunu”, “Ora ciovi supra i tetta”; in tutte e tre le composizioni vi è una fusione tra il momento descrittivo e quello riflessivo, nonché il passaggio dal piano naturalistico (le stagioni come tappe del tempo) al piano simbolico (le stagioni come parte della vita del poeta):

“Quanta, autunnu, puorti ri tristizza!
Quanta ‘nto cori ri malincunia!
Làcrimi scìnnunu vini r’amarizza,
quantu luntana è la stati mia!
(Lacrimi scìnnunu)

2.2. L’inquietudine esistenziale di una poetica crepuscolare

Nella poesia di Galfo c’è una forma di inquietudine esistenziale che si sostanzia, con toni grigi e dimessi, nello sviluppo di sequenze tematiche riguardanti la malinconia, la tristezza e la sofferenza della vita, la fugacità degli anni e del tempo, la morte e gli affetti familiari:

“L’uocci su’ cini ri ciantu,
nuvuli ca vuonu sfucari…
na lacrima lonca mi cari…
Chi ranni tristizza stu cantu!

Vulissi, vulissi cò vientu
cu riddu putissi purtari
stu ciantu, sti lacrimi amari,
stu ruppu ca è comu ‘n turmientu.”
(Ma tu ciu nu sienti)

“Piccatu ca finìu la picciuttanza!
Ora la negghia scinni e mi cummogghia
chidda ch’era pi’ mia l’urtima spranza!”
(Piccatu ca finìu la picciuttanza)

“Sugnu arridduttu comu ‘n muru a siccu
quannu fa panza e pari ca si sbraca;
cari ‘na petra e l’àutra ci ‘nficcu
pi’ trattinìllu ma fa sempri naca.. .”
(C’è l’éria ca lu teni)

In questo sviluppo, il discorso lirico del poeta presenta affacci crepuscolari imbevuti di emozioni e stati d’animo che disegnano il tracciato di un percorso di meditazione sulla significabilità degli accadimenti umani.
Il crepuscolarismo, nella poesia di Galfo, non è però contraddistinto da “senso di delusione e scetticismo nei confronti di ogni ideale e di ogni speranza, delusione e scetticismo che si traducono a loro volta in pena di vivere” (Fatti e idee, Arnoldo Mondadori Editore, p.651) né è un crepuscolarismo inteso come ripiegamento su se stesso in processi intimistici; ci troviamo, invece, in Galfo, di fronte ad una realtà crepuscolare con una connotazione positiva, vale a dire come estrinsecazione di un atteggiamento di dialogo interiore del poeta con se stesso e con il mondo, atteggiamento sì malinconico, triste, ma sorretto da un dinamismo evocativo e da una forte immaginazione riproduttrice e creatrice.
La testimonianza di questa vena crepuscolare malinconica ma vivacizzata da ricchezza d’immagini, Galfo ce la dà in diverse poesie di e la natura pari na vitrina, nelle quali è possibile cogliere tre momenti: la rapida sequenza di immagini; un accostamento e un gioco di relazioni tra le stesse immagini; la predisposizione del poeta ad inventariare oggetti, suoni, colori.
Prendiamo in considerazione, ad esempio, la lirica “Mi sientu sulu”:

Pari stasira ca lu mari è mutu
eppuri se ‘u talì parra r’amuri;
si iunci cu la luna ed è cusutu
labbra cu labbra e tuttu lu sapuri
rintra mi trasi e la mò siti astutu
e ciù nun sientu tuttu lu riluri
ca luntanu ri tia sempri haiu avutu…

Cala la luna e cielu e mari scuri…

Mi sientu sulu e vaiu circannu aiutu…
Cuntu li stiddi e pàssunu li unni,
finiu lu mari ora ‘i siri mutu.

Cerca la luna, cerca lu sò amuri,
pari cull’unni r’èssiri ‘mpazzutu,
agghiorna! e na farfalla è supra ‘n ciuri!”

In questa poesia l’animo del poeta è triste, malinconico, percorso dal dolore e dalla solitudine (“Mi sientu sulu e vaiu circannu aiutu…”), tuttavia si mostra capace di costruire immagini ricche di analogie e di stabilire un gioco di relazioni tra elementi paesaggistici (“mari”, “luna”, “stiddi”,“cielu”) veramente eccezionale: mare e luna amoreggiano come due innamorati e sono i principali soggetti di un rapporto colloquiale.
La resa lirica di queste immagini è notevole, specie nella traduzione in lingua di Saverio Saluzzi. Sfogliando ancora la silloge e la natura pari na vitrina, si avverte come questa vena di malinconia, di dolore e di tristezza costituisce, in Galfo, un ritornello continuo di molte liriche, il quale, a guisa di rintocchi di campane, batte forte dentro il cuore del poeta:

“Scinni Malincunia rintra lu cori,
u cielu s’ancumincia a ‘nnvulari
la sira va calannu e u juornu mori,
li stiddi nun si vìrunu spuntari! …
(Scinni malincunia)

“Chi silenziu, stanotti, ma chi bali!
Se lu stissu silenziu mi vo’ diri
ca mi tagghiaru li spiranzi e l’ali
e paci nun c’è a lu mò suffriri?”
(Piccatu cafiniu la picciuttanza)

“E sugnu sulu cà cu tia ravanti!
Oh morti ca mi talì tutta cuntenti!
quantu mi manca ancora, quantu istanti?
Se mi talìu ‘nno specciu sugnu nenti!

Rintra lu cori miu, oh quantu scanti!
L’ossa sutta la peddi trasparenti…
Comu ri spirdu l’uocci su vacanti,
e pazza è divintata la mò menti. . .”
(Ma ciercu, ciercu ancora)

“È notti senza stiddi e senza luna!
Lu scuru si fiddìa, lu cori è ‘n pena!
Vaiu iennu pi’ sintera e pi’ vadduna
e sugnu senza forza e senza lena…

Se lu suli tramunta nun pirduna!
Lu sancu scurri lientu ‘nti la vina;
se ancora campi, ciàmila furtuna,
ma rintra ò cori quant’è ranni a spina!”
(Lu scuru si fiddìa)

“Ranni malincunia mi scinni ‘n funnu
ri l’anima ch’è fatta nica nica,
rò cori ca scinnìu ‘nto mari funnu,
nicu mi sientu comu na furmica.

Ri rintra triemu mentri mi cunfunnu,
cantu ciercu na pirsuna amica,
mi sientu sulu rintra tuttu u munnu,
nun puozzu suppurtari sta fatica.”
(Oh suli, suli, quantu si amurusu)

In questo ventaglio di citazioni emergono chiaramente le tonalità, i colori, i contenuti, le pause di silente riflessione, i monologhi interiori, le visioni d’incanto, le stupefazioni, le idealità e gli affetti di Galfo, tutti elementi che s’intersecano nell’elaborazione dei testi poetici e determinano il comporsi del magma esistenziale.
La poesia di Galfo, dunque, è canto appassionato che conosce le luci e le ombre del cammino umano, la purezza del sentimento che non scade in sdolcinate effusioni, i palpiti della natura e della sera, il respiro delle stagioni e la compostezza e dignità letteraria che legittimano lo sviluppo dei contenuti lirici. Di notevole interesse risulta, infine, la libera traduzione in lingua di Saluzzi, il quale abbandona i canoni consueti della traduzione letterale per dar vita ad una reinvenzione delle poesie di Galfo, tale da fare apparire l’ultima silloge di Galfo un canto a due voci, le quali si intrecciano armoniosamente, si saldano come anelli per farsi interpreti delle luci e delle ombre dell’itinerario umano.
Chiudiamo questo nostro percorso di approfodimento con una poesia di Galfo dedicata a Modica:

Da: LA SIRA VA CALANNU (1982)

Tuttu l’amuri sì, Muòrica mia

Stu cantu è dedicatu tuttu a tia,
pirchì sì misa rintra lu ma cori!
Parru ri sta città, Muòrica mia,
e nun vuoiu cantati li tò glori…

Vuoiu sulu parràriti r’amuri
ca luntanu di tia potti capiri!
Quantu ranni pò èssiri u riluri!
Quantu ranni pò ‘ssiri lu suffriri!

E se a ‘n pueta rasti i sò natali,
‘n pueta ranni ca nun muoiu riri,
scùsalu ancora se ti fici mali,
riciènnu ca tò figghiu n’ vosi siri!

E ora se ‘stu cantu nun pò dari
tuttu chiddu ca sta rintra ri mia,
ti rugnu chiddu ca ti puozzu rari,
tuttu l’amuri miu, Muòrica mia!

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI