“Istituire a Modica registro per soggetti con fragilità”

Tempo di lettura: 3 minuti

“Rendere Modica una città a misura di disabile e più vicina alle loro esigenze ed aspettative di vita. Non basta rimuovere qualche barriera architettonica di tanto in tanto per pensare d’aver fatto la propria parte. Aspirazioni, desideri e volontà sono gli elementi che caratterizzano la persona, e il loro rispetto – anche nel momento in cui non è possibile esprimerli in modo chiaro e netto – è una condizione fondamentale per garantire la piena realizzazione dell’essere umano. Per questo sarebbe da valutare seriamente l’idea dell’istituzione di un registro pubblico da mettere a disposizione dei disabili.” Ad affermarlo è il capogruppo della Lega al consiglio comunale di Modica, Mommo Carpentieri che continua: “Mi riferisco ad un vero e proprio registro da istituire al Comune dove ogni disabile modicano può, con estrema semplicità e libertà, scrivere in merito a progetti, bisogni ed ambizioni. Un registro che possa suggerire all’amministrazione iniziative future ed aiutarla a farsi carico dei desideri delle persone con particolari fragilità.Il registro dovrebbe avere lo scopo di registrare questi bisogni, desideri e forme di soddisfazione, in modo da codificarli e conservarli in un unico documento da depositare in Comune, per salvaguardare il presidio delle abitudini di vita delle persone con disabilità.Il Progetto contribuirà a far emergere gli interessi delle persone fragili, grazie anche al coinvolgimento di una pluralità di conoscenti e di esperti; assicurare il concreto rispetto delle volontà contenute nel documento anche nei casi in cui la famiglia non sia / non sarà più, per le ragioni più varie, in grado di assistere quotidianamente la persona.Tale iniziativa, mi è giunta notizia – continua Carpentieri – è stata recentemente presentata nel comune di Reggio Emilia, diventata città pilota di tale progetto.  Il mio appello è di saper comprendere immediatamente le iniziative lodevoli ed attuarle anche nel comune di Modica.  L’idea di tale registro parte anche dalla considerazione che tutte le persone hanno diritto a vivere una vita degna, nella quale autodeterminarsi e potersi realizzare. Hanno il diritto alla parola e all’inclusione sociale e politica. Si tratta di una iniziativa culturale oltre che materiale, ovvero dare a tutti la possibilità di essere veramente cittadini di Modica facendosi sentire anche senza necessariamente riuscire ad interfacciarsi direttamente con il mondo della politica. Ho profondamente sentito – conclude Carpentieri – quanto possa lacerare non avere una voce, una propria voce: le persone fragili sussurrano in un mondo che grida. Per questo è fondamentale saperle ascoltare e dare loro la possibilità di esprimersi al meglio con chi amministra la città. L’appello che quindi rivolgo al sindaco e all’assessorato ai servizi sociali è di istituire un registro da mettere a disposizione delle persone con disabilità, magari collocandolo in qualche ufficio comunale facilmente raggiungibile”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI