Nuovo Dpcm: la Sicilia resta in zona gialla

Tempo di lettura: 2 minuti

Il diffondersi delle varianti di Coronavirus sta provocando l’aumento dell’indice Rt nazionale e così molte regioni si preparano a cambiare colore a partire da lunedì. Non sarà così per la Sicilia: l’isola resterà in zona gialla, con un rischio ancora basso certificato anche dall’Ue, che ha inserito la regione tra le aree meno pericolose. La situazione non è comunque da sottovalutare, i dati infatti parlano di un rialzo dei contagi anche in Sicilia e la curva epidemiologica ha ormai esaurito la sua spinta verso il basso tornando a puntare verso l’alto. Per altre regioni lo scenario è più preoccupante: quattro rischiano di passare in fascia arancione e due in zona rossa.
Secondo i dati dell’ultimo monitoraggio disponibile, quello della settimana scorsa a rischio delle restrizioni maggiori sono Abruzzo e Umbria, con il primo che aveva un Rt nel limite inferiore di 1.11 e un rischio moderato ma con un’alta possibilità di progressione all’alto e la seconda con un Rt nel limite inferiore a 1.12 e un rischio alto. Sono invece Basilicata, Lombardia, Marche e Piemonte che rischiano di entrare in zona arancione. In bilico tra il giallo e l’arancione ci sono invece Friuli Venezia Giulia, Lazio e Puglia.
La bozza del nuovo Dpcm del premier Draghi sarà consegnata oggi ai governatori per essere messa a punto entro lunedì ed è già certo che non saranno previste riaperture. «La situazione è seria, c’è una crescita dei casi in Italia come in altri Paesi come la Francia per l’impatto delle varianti. È perciò necessario non allentare le misure adesso», avverte il ministro della Salute Roberto Speranza.
Il sistema a fasce colorate in ogni caso non è in discussione, così come confermato dal ministro degli Affari Regionali Mariastella Gelmini: «Il sistema sarà mantenuto. Finora è stato scongiurato un lockdown generalizzato e questo deve essere l’obiettivo principale anche per le prossime settimane e per i prossimi mesi. Per cambiare completamente un metodo ne serve uno diverso e al momento mi pare che questo non ci sia, perché nessuno ha indicato un metodo alternativo».
Possibile una revisione dei parametri (c’è chi considera troppi i 21 presi attualmente in considerazione) ma al momento gli indicatori non si toccano. Così come non si potrà parlare di ripartenza almeno fino al 6 aprile, data di scadenza del nuovo Dpcm in arrivo. Le uniche eccezioni potrebbero riguardare i cinema e teatri, a cui il Cts potrebbe dare l’ok definitivo per la riapertura delle sale il 27 marzo nel caso in cui la curva dei contagi fosse in discesa. GDS

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI