Allo stage per attività ludica pony il Centro Ippico di Modica

Tempo di lettura: 2 minuti

Presso il Circolo Ippico La Palma di Messina si è svolto uno stage di pony games con il tecnico Tommaso Di Paolo a cui hanno partecipato parte delle “piccole promesse dei pony games del centro Ippico della Contea di Modica, accompagnati dal loro istruttore, Salvatore Migliore (TAL – tecnico attività ludica).
L’obiettivo principale su cui Di Paolo ha voluto indirizzare i piccoli cavalieri e amazzoni è stato di far sviluppare in loro la capacità di autonomia per portare a termine sempre i percorsi in modo corretto e nel breve tempo, sviluppando valori fondamentali come rispetto, comprensione, autostima, senso di responsabilità, godendo del grande vantaggio di qualsiasi attività basata sul gioco, strumento di apprendimento efficace e veloce.
Nel rapporto pony/cavaliere deve regnare armonia, comprensione e reciproco rispetto. Complicità e fiducia, nel pony ed in sé stessi, sono i mezzi con cui viene costruito un solido rapporto.
alcuni giochi richiedono di scendere e risalire dal pony, aiutano quindi a sviluppare coraggio e sicurezza in sé stessi e nelle proprie capacità.
È stato trovato un gruppo di allievi molto ricettivi, che si sono dimostrati capaci di comprendere e mettere in pratica tutte le indicazioni fornite durante la ripresa.
Questi gli allievi che ne hanno preso parte con i rispettivi pony:
Nina Minardo & Luna, Bianca Minardo & Puffetta, Dorotea Agosta & Ciccio, Salvatore Occhipinti & Gina, Giorgio Giannone & Franco, Ferdinando Abbate & Nerina.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI