Humanitas… coronavirus, vaccino e fake news

Tempo di lettura: 2 minuti

In momenti delicati, come quello attuale, in cui si affronta una crisi sanitaria, sociale ed economica, il rischio di fake news è sempre dietro l’angolo.
Dal 27 dicembre, giorno in cui si è dato il via libera al vaccino anticovid come Unione Europea, l’attenzione è tutta posta sui i sieri che vengono iniettati. C’è un gran parlare, molti pro ma anche altrettanti contro, come i NoVax, ma anche profeti di sventura, che si ergono a sapienti e sviando molte volte la gente. E così ci si accorge che oltre a proteggersi dal virus, cangiante e mutevole, occorre mettersi al riparo da voci infondate e dalle assurdità.

L’Istituto Superiore di Sanità, fin da primi giorni dell’arrivo del vaccino in Italia, ha inserito sul suo portale web una serie di FAQ, al fine di sfatare miti e fakenwes intorno ai vaccini. Domande che vanno dalla sicurezza alla inefficacia del vaccino, viene sfatato il mito che il vaccino è solo per i ricchi, che provoca modifiche al codice genetico, o informazioni riguardo alla durata e a tanto altro che è possibile trovare nel mare magnum del web.

Il vaccino è attualmente l’arma più importante per contrastare il virus, che oramai circola da un anno senza problemi. L’attuale vaccino è destinato a prevenire l’insorgere della malattia, perché fornisce al sistema le informazioni necessarie a contrastare il virus. Questo significa, che bisognerà continuare a osservare la norme di protezione, come la mascherina, distanziamento e lavaggio accurato delle mani.

Il piano vaccinale, non è pensato per pochi, ma per tutti. Si tratta di una organizzazione a step, al fine di poter garantire a tutti la possibilità di farlo, dalle categorie più a rischio e fino a quello a rischio basso. Vaccinarsi in questo momento, come ha ricordato Papa Francesco, è un obbligo morale nei confronti della società e dell’umanità, e chi governa deve dare la possibilità a tutti i popoli di potersi vaccinare per dovere di solidarietà e di sicurezza comune, così come ha ricordato il Presidente Sergio Mattarela, nel messaggio di fine anno.

Le notizie degli ultimi giorni: minacce a chi ha fatto il vaccino, oppure inviti a non fare il vaccino perché vengono iniettate sostanze al fine di controllare la popolazione, e tante altre bufale; mettono di fronte a una situazione assurda.

Occorre non solo vaccinarsi contro il virus (quando sarà possibile), ma anche vaccinarsi contro le fakenews, perché l’umanità nel tempo ha vissuto momenti floridi e momenti difficili, che sono stati superati con tenacia e coraggio, la scoperta di un vaccino è il passo in più per tornare a vivere momenti floridi.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI