Vaticano nega trasferimento di 1,8 miliardi dollari in Australia

"Date le speculazioni che dilagano, c'è bisogno di chiarimenti", ha detto funzionario Vaticano
Tempo di lettura: 2 minuti

Il Vaticano e la Chiesa cattolica australiana hanno entrambi negato trasferimenti per un valore di 1,8 miliardi di dollari che, secondo l’organismo di vigilanza finanziario australiano, sono stati inviati da Roma in Australia negli ultimi sette anni. Sono due gli uffici vaticani che gestiscono i trasferimenti di denaro: la banca, nota come IOR, e l’APSA, l’Amministrazione del Patrimonio della Santa Sede. Il funzionario vaticano che cura le  finanze della città-stato (che ha parlato a condizione dell’anonimato) ha detto che l’APSA ha inviato meno di 800.000 euro in Australia dal 2014, principalmente per il pagamento di stipendi e spese per l’ambasciata vaticana, oltre a pensioni e spese di viaggio. Allo stesso modo, il denaro inviato in Australia dallo IOR, a membri di ordini religiosi, non era affatto vicino agli importi elencati dall’AUSTRAC, ha detto. “L’intero budget annuale della Santa Sede è di circa 330 milioni di euro. Le cifre (AUSTRAC) sono circa quattro volte superiori. Sembra fantascienza”, ha detto il funzionario. ”. Ha aggiunto che il Vaticano sta cercando di scoprire se altre persone usando illegalmente il nome del Vaticano abbiano trasferito denaro attraverso le sue banche in altri paesi. Il Vaticano ha chiesto dettagli alle autorità australiane sulla specifica origine e destinazione del denaro. “Non sono soldi nostri” ha aggiunto il funzionario. I dati sono stati resi pubblici a dicembre dall’Australian Transaction Reports and Analysis Center (AUSTRAC) in risposta a un’interrogazione parlamentare della senatrice australiana Concetta Fierravanti-Wells e riportati per la prima volta dal quotidiano The Australian. I trasferimenti secondo AUSTRAC sarebbero stati 47.000. L’arcivescovo di Brisbane, Mark Coleridge ha detto che la Chiesa australiana non era a conoscenza di questi trasferimenti: “Posso assicurarvi che nessuna diocesi o altra entità della Chiesa ha mai visto tutto questo denaro”. Mentre la Fierravanti-Wells aveva chiesto quali fondi fossero stati trasferiti in Australia “dal Vaticano o da persone associate al Vaticano” dal 2014. Il funzionario romano ha risposto che i fondi sono stati inviati in Australia a un centinaio di persone giuridiche, tra le quali chiese, parrocchie, ospedali, ma non cifre del genere”, ha detto. L’AUSTRAC ha affermato che i trasferimenti andavano da un totale annuo di 55,2 milioni di dollari americani, nel 2014 a 581,3 milioni di dollari nel 2017. Mentre l’arcivescovo Coleridge ha affermato che i fondi non sono stati utilizzati per accordi finanziari, o per le vittime di abusi sessuali, o per le spese legali relative al cardinale George Pell. “Date le speculazioni che dilagano, c’è bisogno di chiarimenti”, ha detto. Pell ha lavorato in Vaticano come tesoriere dal 2014 al 2017, ed è rientrato in patria per affrontare le accuse di abusi sessuali. Ha trascorso 404 giorni in prigione prima che lo scorso aprile venisse riconosciuto innocente. Attualmente Pell, vive a Roma.

 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI