“Trivellazioni, 5 aree a rischio nel Ragusano”

Tempo di lettura: 2 minuti

Cinque pozzi per la ricerca di idrocarburi, in territorio ragusano rischiano la chiusura: tre sono di Eni Mediterranea Idrocarburi, «Cinquevie» su un’area di 71 chilometri quadrati tra Modica e Ragusa; «Contrada Giardinello» in oltre 380 chilometri quadrati tra Ragusa, Santa Croce Camerina, Vittoria, Comiso, Acate, Chiaromonte Gulfi, Caltagirone e Mazzarrone; «Piano Lupo» su altri 62 chilometri quadrati tra Acate, Caltagirone, Gela e Mazzarrone. Gli altri due sono il giacimento «Bonincontro» della compagnia spagnola Petrex su 32 chilometri quadrati tra Acate e Vittoria e l’impianto «Case La Rocca» della società concessionaria Irminio per altri 80 chilometri quadrati sempre nel territorio ragusano.

Questo qualora venisse  avviata la moratoria riguardo la ricerca di idrocarburi in scadenza nel febbraio 2021del nuovo anno in caso di mancata proroga delle concessioni. Per la Sicilia il prezzo è molto alto. A rischio le aree marine protette dell’arcipelago delle Egadi con i paradisi di Pantelleria e Favignana. L’area degli Iblei sarebbe la più martoriata, sulla quale insiste più di un progetto. 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI