Scicli, sequestro di 64.000 articoli natalizi e giocattoli

Tempo di lettura: 3 minuti

I finanzieri della Tenenza di Modica, a seguito di una preliminare attività info-investigativa intrapresa in occasione delle imminenti festività natalizie, coordinata del sovraordinato Gruppo di Ragusa, hanno individuato un esercizio commerciale, ubicato nel Comune di Scicli e gestito da soggetto di nazionalità cinese, dove sono stati sottoposti a sequestro oltre 64.000 articoli ritenuti potenzialmente pericolosi per la salute dei fruitori, per un valore commerciale di circa 30.000 euro.

I diversi prodotti tra i quali, in particolare, luminarie, addobbi natalizi e giocattoli, erano privi delle indicazioni previste dalle normative vigenti, come le informazioni recanti la provenienza e il paese di origine, le istruzioni d’uso e le relative precauzioni. Gran parte della merce, inoltre, era completamente priva di informazioni in lingua italiana.

In particolare, molti degli articoli e i giocattoli sequestrati, potenzialmente destinati quali regali natalizi a bambini e adolescenti, sono risultati pericolosi in quanto privi del marchio “CE” e, dunque, non a norma rispetto alla composizione dei materiali, di qualità evidentemente scarsa, nonché riguardo al rischio di dispersione di frammenti o piccoli componenti che, qualora ingeriti, possono causare soffocamento.

Tutto il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro amministrativo e il titolare dell’esercizio commerciale è stato segnalato alla Camera di Commercio, rischiando sanzioni fino a 25.000 euro.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI