Parco degli iblei, Campo: “Si fissi scadenza su iter realizzazione”

Tempo di lettura: 2 minuti

“L’assessore Salvatore Cordaro fissi una data di scadenza, definitiva, sulla parte di iter di realizzazione del Parco Nazionale degli Iblei che riguarda la Regione Siciliana e la comunichi ai 27 Comuni iblei”. Lo chiede la deputata regionale del Movimento 5 Stelle, Stefania Campo, che prosegue nel suo costante impegno per la realizzazione del Parco che mai come in questo momento diventerebbe fondamentale per il rilancio dell’intera economia del Sud-Est siciliano. E così, dopo l’appello delle associazioni, con più di 1200 firme raccolte in 30 giorni; dopo la lettera inviata, assieme al parlamentare Giampiero Trizzino, ai Dipartimenti competenti del Ministero dell’Ambiente e dopo la richiesta di audizione dell’Assessore regionale all’Ambiente, Salvatore Cordaro, dei Responsabili dei Dipartimenti ministeriali Natura e Patrimonio naturalistico, Renato Grimaldi e Carlo Zaghi, con l’invito alle associazioni ambientaliste proponenti l’istituzione del Parco, l’esponente pentastellata rivolge un ulteriore invito al presidente Musumeci e alla sua giunta a fissare una data di scadenza sulla parte di iter che riguarda la Regione. “Aspettiamo che l’assessore Salvatore Cordaro decida finalmente di assumere il ruolo di notaio e non quello di passacarte – dichiara Stefania Campo – e si assuma le responsabilità del ritardo dell’iter di istituzione del Parco stesso. Il territorio aspetta, il ministero dell’Ambiente aspetta, i cittadini e i turisti innamorati della nostra terra aspettano e, soprattutto, aspettano tutti quei soggetti che hanno compreso che il Parco è un importante volano economico di ulteriore sviluppo per l’intera area degli Iblei: per un’agricoltura di qualità, di attrazione immobiliare per i piccoli centri dell’entroterra, per l’artigianato di pregio e valore, per tutto il comparto turistico-ricettivo, per un conseguenziale potenziamento delle infrastrutture attuali, aeroporto, collegamenti stradali e rete ferroviaria. Ecco perché – aggiunge la deputata iblea Stefania Campo – il Parco non può più attendere oltre. Oppure se Cordaro per accordi e scambi politici, magari fatti in Giunta, ha cambiato idea sul Parco lo dica chiaramente e noi chiederemo direttamente al Ministro di istruire la pratica dato che, di fatto, sono passati già 13 anni e interlocuzioni dal basso ne abbiamo avute diverse. Se vuole avviare un incredibile dietrofront si organizzi bene, perché noi invece vogliamo andare avanti, coerentemente”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI