Ragusa. Si è tenuto in Prefettura progetto PON Fesr Fse 2014/2020

Tempo di lettura: 2 minuti

Nell’ambito del progetto PON Legalità “Supporto ai Comuni nello scouting di fondi europei e gestione dei progetti”, inserito nel Programma operativo nazionale FESR FSE 2014/2020 – Obiettivo “Investimenti in favore della crescita e dell’occupazione”, si è tenuta lo scorso 8 ottobre – organizzata dalla Prefettura presso i locali del Centro Polifunzionale di Ragusa – una attività di formazione diretta al personale della Prefettura e delle Amministrazioni comunali finalizzata al rafforzamento delle competenze sulle metodologie di progettazione, gestione, attuazione, monitoraggio e rendicontazione dei progetti, a valere sui Fondi strutturali.

Il Piano di formazione, strutturato in due momenti dell’intera giornata, è stato illustrato in maniera dettagliata ed articolata, mediante la proiezione di apposite slide, dai titolari e dagli esperti della società CONTESTI srl, azienda attiva nel settore dell’assistenza e della consulenza in favore di pubbliche amministrazioni, cui è stata affidata la gestione del servizio a conclusione di apposita procedura negoziata, espletata ai sensi dell’articolo 36, comma 2, lett. b) e comma 6 , del dlgs 50/2016 e successive modifiche ed integrazioni.

La formazione, cui hanno partecipato gran parte dei referenti dei comuni e funzionari del Libero Consorzio Comunale, ha riguardato la gestione del ciclo di progetto e le modalità di predisposizione delle proposte progettuali allo scopo precipuo di rendere poi effettiva la “sostenibilità” dei servizi finanziati .

Nel corso dell’attività di formazione è stata sottolineata la particolare valenza, per gli enti locali, di tale programmazione europea che prevede il finanziamento di azioni di qualificazione e di sostegno ed in particolare consente alle Prefetture, Uffici Territoriali del Governo, di dotarsi di apposite task force di esperti tecnici e giuridici e di piani formativi per la diffusione di buone pratiche a favore dei territori e la risoluzione delle criticità riscontrate negli ambiti comunali di competenza andando incontro agli enti locali che spesso non hanno adeguate professionalità per individuare utili progettualità e fonti di finanziamento cui poter accedere .

E’ stato dato atto delle azioni intraprese sin dallo scorso mese di febbraio e per tutto il corrente anno, a supporto di tutti gli enti, quali l’inserimento nel portale della Prefettura di una sezione specifica con l’indicazione delle fonti di finanziamento comunitarie attivabili e la costante attività di monitoraggio dei bandi di finanziamento di potenziale interesse per tutti i comuni del territorio, sensibilizzati poi anche mediante apposita corrispondenza e riunioni mirate per singoli territori interessati da progetti specifici .
Nel corso dell’incontro sono state fornite precise linee guida circa la gestione della rendicontazione finanziaria e richiamata la imprescindibile necessità di raggiungere i risultati dichiarati nel massimo e rigoroso controllo dei costi e dell’accertamento della ammissibilità della spesa .
E’ stata anche sottolineata l’importanza degli ”indicatori di risultato” associati ad obiettivi specifici finalizzati alla cd. “visione strategica” del territorio che proprio per la loro complessità possono anche svolgersi e realizzarsi nel lungo periodo ma con la opportunità di incidere profondamente nello sviluppo e nel cambiamento culturale e strutturale del territorio .
Proprio a tale riguardo è stato poi operato un “focus” sulle linee di finanziamento più rispondenti ai fabbisogni del territorio provinciale da sviluppare anche attraverso una rete che comprenda i Comuni ed il Libero consorzio comunale, inseriti in un contesto il più possibile integrato.
Da tale confronto è emersa la necessità prioritaria di approfondire, ai fini della programmazione per l’accesso ai fondi strutturali, i temi dell’Ambiente e della Agenda digitale, in relazione ai quali – allo scopo di costruire un progetto coerente con i bisogni del territorio – ciascun ente integrerà l’ apposita scheda di rilevazione dei fabbisogni con una dettagliata analisi di contesto .
Il Piano di formazione, seguito con particolare attenzione e partecipazione da parte di tutti i presenti, continuerà il prossimo 5 novembre con un’altra riunione già programmata dalla Prefettura, finalizzata alla elaborazione di una proposta progettuale comune sui temi individuati, secondo gli schemi organizzativi della programmazione e della progettazione della Unione Europea.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI