Territorio Ragusa. Museo del Costume, ma quanto ci costa?

Tempo di lettura: 2 minuti

“Pare che, a metà di ottobre, si apriranno i battenti del Museo del Costume. Dopo oltre 5 anni dall’arrivo della collezione di abiti d’epoca al Castello di Donnafugata, era il mese di marzo dell’anno 2015, i magnifici reperti troveranno idonea collocazione espositiva, anche se, pare, saranno offerti alla vista dei visitatori, a piccole dosi.” E’ il Movimento politico Territorio che plaude alla tanto attesa apertura del Museo, della quale si è parlato nel corso di una riunione del Direttivo cittadino, nel contesto di una analisi delle potenzialità turistico-culturali da sfruttare in città.
Nel corso della stessa riunione sono emersi degli interrogativi sui costi totali dell’operazione, alla luce del contenuto di un cominciato dell’Ufficio Stampa del Comune, a proposito di un avviso pubblico di manifestazione di interesse finalizzato alla stipula di convenzione per la collaborazione, a titolo gratuito, per lo svolgimento del servizio di vigilanza.
Sottolinea Michele Tasca, segretario cittadino di Territorio, che molta perplessità ha suscitato il particolare, specificato a chiare lettere nel comunicato, che il Comune cerca volontari per la vigilanza del Museo, “per assicurare la custodia dei locali relativi al MUDECO, cui non può fare fronte con risorse proprie, stante la oggettiva carenza di organico”
“I responsabili della cultura del Comune di Ragusa esaltano l’alto valore della collezione di abiti d’epoca – dice Michele Tasca – sembra strano che si vogliano affidare reperti preziosi alla custodia di gente professionalmente non preparata per i compiti da assegnare, e suona ancora più strano il fatto che il Comune si dichiari non in grado di assicurare le risorse necessarie.”
“A questo punto – aggiunge Michele Tasca – per una semplice operazione di trasparenza, sarebbe opportuno conoscere i costi sostenuti per questa collezione e per l’esposizione museale, dall’acquisto alla relativa manutenzione che si è dovuta assicurare in questi anni, fino ad arrivare ai costi totali sostenuti per l’allestimento del Museo, passando per il costo del personale e degli esperti che, a vario titolo, nel tempo, si sono occupati della collezione.”
“Pensiamo che un bilancio generale relativo alla collezione di abiti d’epoca e all’allestimento del Museo del Costume debba già esistere – conclude Tasca – sarebbe opportuno che la città fosse resa edotta di quanto è costata, nel suo insieme, l’iniziativa e quanto si ritiene possa produrre per la città in futuro”

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI