Umani e sicuri: Diritti e doveri degli ospiti e degli ospitanti”

Tempo di lettura: 3 minuti

La Diocesi di Noto e la Fondazione San Corrado, con il patrocinio del Comune di Pozzallo organizzano il convegno “Umani e sicuri. Diritti e doveri degli ospiti e degli ospitanti”, una giornata di riflessione su tematiche attuali riguardanti il fenomeno delle migrazioni e dell’accoglienza.
Il dibattito si terrà il 19 settembre dalle 10.30 alle 12.00, presso la Chiesa Madre di Pozzallo, è un momento aperto a tutti coloro che hanno a cuore il fenomeno migratorio, a quanti operano con i migranti e non solo.
L’incontro si aprirà con i saluti di don Salvatore Cerruto, Vicario per la Diocesi di Noto, di Don Paolo Catinello, direttore diocesano dell’Ufficio Migrantes e del dott. Roberto Ammatuna, Sindaco di Pozzallo. Il convegno “Umani e sicuri” vedrà come interlocutori principali il dott. Pietro Bartolo, attualmente Eurodeputato e Vice Presidente della Commissione Europea per la Libertà, Giustizia e Affari Interni, e Mons. Antonio Staglianò, Vescovo responsabile di “Migrantes” per la Conferenza Episcopale Siciliana.
Il dott. Pietro Bartolo è divenuto Europarlamentare nel 2019, conosciuto da tutti come il medico di Lampedusa, qui si è occupato oltre che della sanità nell’Isole Pelagie anche delle prime visite dei migranti subito dopo gli sbarchi.
L’obiettivo dell’incontro è quello di far riflettere i presenti, su temi attuali e importanti riguardante i migranti e l’accoglienza, argomenti molte volte manipolati e usati in modo ambiguo per creare seguito politico e disorientamento.
I lavori saranno introdotti dal dott. Tonino Solarino, direttore della Fondazione San Corrado e psicoterapeuta, che nel presentare l’evento sottolinea come: «la paura non può avere l’ultima parola e non può far venire meno la nostra umanità. È importante che le istituzioni e la politica possano contrastare chi alimenta le paure per motivi elettorali, e nello stesso tempo farsi carico delle paure cercando di creare integrazione, affinché i diritti e i doversi degli ospiti e degli ospitanti siano fino in fondo salvaguardati».
Il Convegno non è una semplice goccia nell’oceano, ma si inserisce a pieno titolo nel dibattito culturale sul fenomeno migratorio, in particolare sugli aspetti dell’accoglienza argomento spinoso. «Non ha senso – spiega Solarino – da una parte operare un’accoglienza, che non tenga presente per chi arriva il rispetto della Costituzione e la sensibilità culturale degli ospitanti. Come non ha senso pensare che l’unica soluzione, rispetto al dramma delle migrazioni, sia quella di alzare muri, alimentare conflitti e il no categorico all’accoglienza».
Il fenomeno delle migrazioni è un argomento complesso, non ineludibile al giorno d’oggi. Sono diversi i problemi che si rifanno al fenomeno migratorio, come per esempio i diritti base dei cittadini non riconosciuti ai migranti di seconda generazione: nati, formati e cresciuti in Italia. «Sono molteplici le domande riguardo al fenomeno – dichiara Solarino – ma cosa alla lunga crea sicurezza? Che un bambino straniero nato in Italia sia accolto, integrato e rispettato nella sua dignità, o che sia escluso e così divenire destinatario di diritti negati?» “Umani e sicuri” tenterà, grazie alla voce del dott. Bartolo e del Vescovo di Noto, di dare alcune risposte alla questione più dibattuta riguardante i diritti e i doveri, non solo degli ospiti, i migranti, ma anche degli ospitanti.
Le migrazioni sono un fenomeno destinato a crescere, con il quale si dovrà convivere giorno dopo giorno. Il fenomeno però non va usato per alimentare l’odio, la violenza e l’insicurezza all’interno dell’opinione pubblica. È compito delle Istituzioni e delle forze politiche garantire una gestione umana del fenomeno, in cui vengano rispettati diritti e doveri, come ad esempio riconoscere la cittadinanza a quanto vivono in Italia, nel rispetto della cultura e della Costituzione italiana, seppure con la propria identità.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI