Movimento Territorio Marina di Ragusa: Servizio idrico assente

Tempo di lettura: 2 minuti

Dal centro alla periferia. Dalle contrade fino a Marina di Ragusa con i rubinetti a secco. Tante le proteste indirizzate al comune. I cittadini ragusani, oltre a ricordare una serie di problemi che affliggono la città invocano il diritto, in qualità di utenti che pagano regolarmente le bollette, a dissetarsi e lavarsi. Una vicenda grave che si trascina, oramai, da troppo tempo. Mancano le squadre di manutenzione e di pronto intervento. La denuncia è del movimento civico Territorio che ha raccolto le lamentele dei tantissimi cittadini. “Registriamo la totale incapacità e inefficienza dell’amministrazione Cassi dinanzi ad un problema così grave –spiega Angelo La Porta, presidente del movimento civico Territorio di Marina di Ragusa – sono innumerevoli le istanze dei cittadini e degli operatori commerciali e di titolari di strutture ricettive che lamentano la penuria del prezioso liquido. La carenza dell’acqua si registra ovunque: dal centro storico all’immediata periferia. Il problema dell’approvvigionamento e fornitura d’acqua alle zone costiere (e non solo) va pianificato e risolto attraverso una programmazione di medio-lungo periodo”. Da una parte la penuria dell’acqua dall’altro la rete idrica colabrodo con perdite vistose in più parti. “Il sindaco e la sua giunta dopo ben due anni di amministrazione –incalza La Porta – non è riuscita neppure ad organizzare le squadre di pronto intervento con una regolare gara d’appalto. Al peggio non c’è mai fine”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI