Da domai nei PTE sarà garantita la presenza del medico h24

Hanno vinto i Sindaci di Pozzallo, Scicli e Chiaramonte Gulfi
Tempo di lettura: 2 minuti

Si avvia a conclusione positivamente la lunga battaglia dei Sindaci di Pozzallo, Scicli e Chiaramonte Gulfi sulla delicatissima problematica dei Presidi Territoriale di Emergenza della Provincia di Ragusa.
Dopo gli incontri dei giorni scorsi, oggi si conclude una vicenda molto sentita dalla comunità Iblea.
Come è noto i P.T.E. sono dei servizi operanti nel territorio formati da medici, infermieri e altri operatori specialisti nell’affrontare le problematiche dell’emergenza sanitaria.
In parole povere, questi importanti servizi sanitari salvano ogni anno tantissime vite umane.
Purtroppo da qualche settimana in alcuni dei P.T.E., nei turni notturni, non era prevista la presenza del medico specialista indebolendo così il più importante servizio dell’emergenza sanitaria del territorio.
La lunga battaglia dei sindaci Ammatuna, Giannone e Gurrieri ha indotto l’ASP di Ragusa a porre rimedio a tale grave deficienza.
Finalmente il Direttore Generale Aliquò ha ottenuto il via libera dell’Assessorato Regionale alla Salute per il pagamento delle ore di straordinario maggiorate a tutti i medici dei P.T.E.
Si mantiene così e in piena funzionalità un servizio salvavita importantissimo per tutto il territorio della provincia di Ragusa.
I tre sindaci ringraziano il dottor Aliquò e l’Assessore Razza che con il loro impegno hanno permesso il raggiungimento dell’importante risultato.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI