In arrivo a Pozzallo altri 150 migranti

Tempo di lettura: 3 minuti

In arrivo anche oggi a Pozzallo, con partenza da Lampedusa, altri 150 immigrati a bordo di una unità navale della Capitaneria di porto. Non importa se c’è posto dove sistemarli. Non importa. Intanto arrivano, poi si vedrà. Lampedusa scoppia. E qualcosa bisogna pur fare. Da Roma partono un paio di telefonate. Trapani e Taranto di traffici di questo tipo non ne vogliono sapere. Creerebbero intralci al turismo e alle attività commerciali. Idem Porto Empedocle. Il sindaco Ida Carmina ha detto chiaro e tondo ai suoi amici grillini che non intende più continuare a fare da sponda a Lampedusa.

Rebus sic stantibus, Roma decide di creare un asse preferenziale tra Lampedusa e Pozzallo per gestire la mobilità di migliaia di persone che sbarcano illegalmente sulle nostre coste. Questo è. Protestare? Perché mai? Smettiamola con questi pensieri sconvenienti. Smettiamola. Calma e gesso. State pur certi che la magistratura italiana, da sempre molto attenta agli aspetti penali legati all’immigrazione clandestina, farà di tutto e di più per accertare eventuali responsabilità governative nella gestione approssimativa, disordinata e arruffona di un fenomeno che, francamente, sta assumendo le proporzioni di una “invasione organizzata”.

A questo punto non importa più raccontare quanti sono gli ospiti del Centro Hotspot, quanti sono stati sottoposti a controlli sanitari per accertare il loro stato di salute, quanti sono stati trovati positivi al Coronavirus, quanti di essi sono ricoverati e dove e quanti sono riusciti a rendersi uccel di bosco. Onestamente  si tratta di particolari poco rilevanti rispetto alla gravità complessiva di un problema immane, sempre più socialmente devastante e controverso, che galoppa comunque verso la fantastica e ostinata soluzione finale immaginata dalla ministra Luciana Lamorgese: quella di accogliere tutte le persone in fuga. Tutte. Senza alcun problema.

“Abbiamo già in cantiere un progetto di ampio respiro – dice la ministra – che prevede una equa redistribuzione degli immigrati che sbarcano sulle nostre coste nelle venti Regioni italiane. Abbiate un po’ di pazienza. Ci stiamo organizzando”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI