Medico h24 nei PTE, non si escludono azioni clamorose

Tempo di lettura: 2 minuti

Venerdì della scorsa settimana i Sindaci di Pozzallo, Chiaramonte Gulfi e Scicli,si sono incontrati con il Direttore Generale dell’ASP di Ragusa per discutere sulle problematiche dei Presidi Territoriali di Emergenza del territorio Ibleo. Come è noto, alcuni turni di guardia dell’importante servizio sanitario, sono stati garantiti soltanto dalla figura dell’infermiere e dell’ausiliario e non da quella del medico. I tre Sindaci, avevano invitato  Aliquò a risolvere urgentemente la grave deficienza ma, a tutt’oggi, non c’è stata ancora nessuna risposta da parte del Direttore Generale. “È questo un fatto molto grave e assolutamente inaccettabile – denunciano i tre sindaci – . Nella filiera dell’emergenza sanitaria, i PTE svolgono una funzione fondamentale nella salvezza di vite umane. Non si può assolutamente scherzare con la vita di tutti gli abitanti della provincia di Ragusa”. I Sindaci di Pozzallo, Roberto Ammatuna, di Chiaramonte Gulfi, Iano Gurrieri, e di Scicli, Enzo Giannone, diffidano la Direzione Generale dell’ASP ed invitano quest’ultima a mettere urgentemente fine ad un disservizio  assolutamente pericoloso.  Se entro la corrente settimana, non ci dovesse essere nessun riscontro alle richieste di normalizzazione dei turni di guardia con la presenza della figura del medico h24, itre sindacisi riserveranno azioni di lotta clamorose al fine di tutelare non solo la salute, ma soprattutto la vita di tutti gli abitanti delle comunità Iblea.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI