“Bocca di Covid” a Modica. Appello dell’assessore regionale

Tempo di lettura: 3 minuti

“Faccio mio l’appello del sindaco di Modica a coloro che dovessero aver avuto un qualche contratto interpersonale». Lo ha affermato l’assessore regionale alla Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza(foto),  in merito al caso della escort risultata positiva al Coronavirus a Foligno dopo un periodo di tempo trascorso in Sicilia, a Modica, in provincia di Ragusa.

«Forse su questo dovremmo fare un’ulteriore riflessione in più, magari capire che tra le categorie oggetto di censimento e di approfondimento dal punto di vista dello screen potrebbero esserci tutti quei settori nei quali la diffusione del contagio si presta ad essere particolarmente più alta nel rischio», ha detto.

«C’è un tema più ampio e generale che riguarda il comportamento dei cittadini che devono capire che in questa fase di ripartenza delle attività essenziali e dell’economia non ci possiamo permettere una nuova chiusura», ha detto e come ha ribadito anche nell’intervista rilasciata ai giornalisti, «i due casi di Catania, ma anche gli altri che si sono verificati in Sicilia – ha aggiunto – sono tutti di importazione e questo ci dice che il virus è ancora assolutamente capace di contagiare. La Sicilia continua ad attestarsi sui livelli più bassi a livello nazionale tra le Regioni italiane, ma dobbiamo lanciare un grido d’allarme perchè dobbiamo proteggere la stagione estiva, le nostre attività produttive e soprattutto la salute dei siciliani».

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI