Basket, Ragusa. Marzia Tagliamento resta in biancoverde

Tempo di lettura: 2 minuti

Marzia Tagliamento resterà alla Passalacqua Spedizioni Ragusa di basket anche il prossimo anno. La forte guardia/ala, classe 1996, è reduce da una buona seconda parte di stagione con la formazione iblea, dopo avere iniziato il campionato a Battipaglia con cui aveva realizzato 14 punti di media, tirando con il 42% da due, il 31% da tre e il 70 ai liberi, con quasi tre assist a partita. A Ragusa, in 11 partite disputate, Marzia ha fatto registrare invece 8,6 punti di media a partita, ma con medie dal campo decisamente più alte: il 62% da due, il 42% da tre e il 67% ai liberi. “Marzia – commenta coach Gianni Recupido – ha dimostrato di volere fortemente restare a Ragusa e ha strameritato la riconferma. Specialista nel tiro da tre ma anche brava a leggere le situazioni e a passare la palla dentro, è una giocatrice di carattere, una vincente, che sa come si sta in una grande squadra ed ha la capacità di farsi trovare sempre pronta. Lo scorso campionato è stata bravissima ad inserirsi nel gruppo a stagione in corso. Per la prossima stagione la avremo dall’inizio e siamo certi che ci contagerà con l’allegria e l’entusiasmo che la contraddistinguono”. Si va dunque completando pian piano il puzzle relativo alla composizione del roster della formazione biancoverde, edizione 2020/2021. Marzia Tagliamento si aggiunge al trio di straniere Marshall, Kuier e Harrison e al gruppo di italiane formato da Consolini, Santucci e Trucco.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI