Causa ed effetto. Questo il problema delle morti in mare

Tempo di lettura: 2 minuti
Anni Novanta. Il trasferimento dei migranti dalla Libia in Italia (Sicilia) veniva organizzato da bande criminali con le carrette del mare. Quando ad opera della Polizia italiana cominciarono a scattare le prime manette per i Caronte di turno, i trafficanti di vite umane cambiarono sistema: una nave madre si fermava al limite delle acque territoriali e da lì faceva partire barchini carichi di “vuoti a perdere”, con al timone uno degli stessi fuggitivi, dopo avere incassato ticket di migliaia di dollari per ogni migrante. A seguito delle operazioni Mare Nostrum (2013), Frontex Triton e Frontex Themis, i trafficanti cambiarono strategia: impacchettavano i poveri cristi su gommoni monocamera di fabbricazione cinese e li lasciavano a poche miglia dalla Libia sapendo che sarebbero stati soccorsi dalle navi militari dislocate in zona. Quando poi sono entrate in scena decine di Ong straniere, i trafficanti, aguzzando il loro malvagio ingegno, si sono limitati ad abbandonare i carichi milionari a qualche miglio dai porti di partenza libici, consegnandoli praticamente alle unità delle cosiddette organizzazioni non governative. Cronaca diventata storia, questa. I trafficanti di vite umane non sono una invenzione ideologica! Se questo è chiaro a tutti, occorre affrontare e gestire l’epocale problema della migrazione con un approccio laico -storico – culturale improntato alla massima onestà intellettuale. Diversamente tra buoni e cattivi della “litigiosa e autolesionistica” politica di casa nostra, vinceranno i trafficanti di vite umane! Quelli non si fermano. Per loro i migranti rappresentano un business milionario.
– Volete bloccarci? Ritorniamo al vecchio sistema delle navi-madre!
Questa la lettura da dare al sequestro effettuato dalla Guardia di Finanza del peschereccio libico che, dopo avere scaricato e ammassato 81 persone su un barchino con prua verso Lampedusa, ha cercato di farla franca ritornando nel porto di partenza. L’imbarcazione libica è ora ferma al porto di Licata.
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI