#STOP5G: anche Modica aderisce alla mobilitazione nazionale

Si è svolto anche a Modica, come in altre 43 piazze italiane, il flash mob per dire stop al 5G. Promossa dall’Alleanza Italiana Stop 5G, la manifestazione ha visto l’adesione di grandi e piccoli Comuni tra i quali Firenze, Milano, Roma, Torino, Venezia, Verona, Palermo, Catania, Matera, Viareggio, Lucca, Bologna, Bergamo. Il flash mob, organizzato dal Comitato #Stop5G di Modica, si è svolto presso l’atrio di Palazzo S. Domenico ed ha visto anche la partecipazione del Sindaco, Ignazio Abbate, e dell’Assessore alla Cultura, Maria Monisteri. Scopo dell’iniziativa è quello di denunciare la deriva elettromagnetica contenuta nel dossier “Iniziative per il rilancio – Italia 2020-2022” redatto per il Governo Conte dal Comitato di esperti in materia economica e sociale guidati da Vittorio Colao. “Proprio la presenza del direttore di un colosso della banda larga e delle telecomunicazioni, come Verizon, nel Comitato che deve decidere sulla sperimentazione di questa nuova tecnologia deve far riflettere. Tra l’altro un passaggio significativo del dossier Rilancio Italia 2020-2022 prevede l’opportunità di togliere alle Amministrazioni Locali la possibilità di opporsi alla sperimentazione. La posizione di Modica è stata da subito molto chiara: non siamo contro la tecnologia a priori ma, appellandoci al principio di precauzione, pretendiamo che a pronunciarsi sulla pericolosità o meno di questa nuova tecnologia sia un comitato formato da persone competenti e soprattutto non riconducibili in nessun modo ad interessi legati all’una o all’altra parte. Ed in ogni caso è inaccettabile che tolgano la possibilità di opposizione alla sperimentazione sul nostro territorio. La sperimentazione deve essere volontaria e non imposta dall’alto. E’ vero che non esistono prove concrete sulla pericolosità del 5G ma solo posizioni e teorie di oltre 500 comuni italiani. Ma è altrettanto vero che non esistono prove sulla non pericolosità di tale tecnologia. Il principio di precauzione si applica non a pericoli già identificati, ma a pericoli potenziali, di cui non si ha ancora conoscenza certa. Questo è il caso del 5G, esistono tante congetture ma nessuna conoscenza certa. Fino a quel momento è mio preciso dovere morale ed istituzionale oppormi a tale sperimentazione”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI