Firmato protocollo d’intesa tra Cna Ragusa e Slow Food

Siglato un protocollo d’intesa tra la Cna territoriale di Ragusa e Slow Food Ragusa. Le due associazioni condivideranno un percorso comune per la promozione delle comunità come modello partecipativo e sostenibile finalizzato allo sviluppo delle realtà locali. Erano presenti, per l’associazione di categoria, il presidente della Cna territoriale di Ragusa Giuseppe Santocono, il segretario territoriale Giovanni Brancati, il componente della presidenza territoriale Francesco Occhipinti e il responsabile dell’Unione Cna Agroalimentare territoriale Carmelo Caccamo. I vertici provinciali di Slow Food hanno manifestato la propria intenzione a cooperare con la Cna nell’interesse del territorio e delle aziende, vere e proprie protagoniste del rilancio economico della nostra terra. Erano presenti la professoressa Carmela Lauria, fiduciaria Slow Food che ha siglato il protocollo, la professoressa Giada Ragusa e l’ing. Giorgio Battaglia, componenti del comitato di condotta. Alla presenza di una delegazione di imprese associate alla Cna, le parti hanno stilato gli impegni comuni e gli obiettivi da raggiungere.
“Le due associazioni – spiega il presidente Santocono – si sono impegnate a collaborare mettendo a disposizione le rispettive competenze ed esperienze, portando avanti azioni congiunte volte a promuovere la valorizzazione delle produzioni e delle tradizioni locali, favorendo la partecipazione dei cittadini alla definizione e implementazione di percorsi di crescita e sviluppo della propria comunità secondo i principi di sostenibilità, salvaguardia del paesaggio e dei territori. Obiettivo condiviso fondamentale la costituzione di una comunità del cibo su base provinciale riguardante la granita siciliana che contempli il coinvolgimento delle aziende della trasformazione agroalimentare attraverso la ricerca di materie prime di altissima qualità. Sarà redatto un disciplinare di produzione con la guida di Slow food e della Cna al fine di poter ottenere il marchio della comunità del cibo Slow food”.
“Slow Food – ha spiegato la professoressa Lauria – ha utilizzato le parole chiave: buono, pulito e giusto. Tre concetti che rimandano al piacere del buon cibo ma anche alle sue modalità di produzione che devono avvenire senza stressare la terra nel rispetto degli ecosistemi e dell’ambiente e nel rispetto, negli ambiti di produzione e commercializzazione, dei principi di giustizia sociale. Le aziende associate alla Cna hanno chiesto di studiare, valorizzare e promuovere la granita siciliana e le sue fasi di lavorazione, uno straordinario prodotto simbolo della Sicilia”.
Le origini della granita vengono solitamente fatte risalire alla dominazione araba in Sicilia. Gli arabi portarono con loro la ricetta dello sherbet, bevanda ghiacciata aromatizzata con succhi di frutta o acqua di rose. In tutta la Sicilia si usava la neve che d’inverno veniva raccolta sull’Etna, sui monti Peloritani, Iblei o Nebrodi e stivata durante l’anno nelle neviere, apposite costruzioni in pietra erette sopra grotte naturali o artificiali. In estate veniva prelevato il ghiaccio formatosi per essere poi grattato e ricoperto di sciroppi di frutta o di fiori.
“La Cna – conclude Caccamo – ritiene che la firma di questo protocollo d’intesa possa essere l’inizio di un processo virtuoso in grado di rafforzare il legame tra produttori e territorio nell’ottica della salvaguardia della biodiversità. Numerose le gelaterie associate alla Cna che intendono spendersi per raggiungere gli obiettivi prefissati”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI