Anteas Ragusa. Donne anziane hanno superato bene quarantena

Durante la quarantena, nella città di Ragusa la donna anziana ha sofferto di meno rispetto all’uomo, questo perché ha continuato a fare le cose di casa, senza alterare le solite abitudini che rappresentano un rilevante impegno di tempo e psicologico. E’ la conclusione a cui è arrivata Anteas Ragusa dopo avere preso in esame, tra i propri associati, l’impatto psicologico degli effetti del lockdown tra gli over 70. Una serie di valutazioni, condotte tra un campione di persone, hanno permesso all’associazione con sede in viale dei Platani a Ragusa, di formarsi un’idea su quella che è stata una delle fasi più complicate della vita di tutti noi vissuta dalle persone più avanti negli anni. “Le donne – spiega il presidente Anteas Ragusa, Rocco Schininà – hanno reagito meglio degli uomini non c’è dubbio. In genere però, per entrambi i sessi, l’essere coinvolti in uno scopo, in questo caso contribuire con il proprio comportamento responsabile a restare a casa e a bloccare l’epidemia, ha dato senso agli anziani e alla loro vita tra le pareti domestiche. In genere le donne anziane che hanno visto il proprio marito “rinchiuso” tra le mura di casa, hanno dimostrato di sopportare meglio e di reagire meglio a prove durissime”. Tutto questo a quali motivi è dovuto? Ci sono fattori specifici a cui ci si può appigliare per spiegare tale determinazione? “La resilienza femminile certamente – aggiunge Schininà – ma anche il fatto che le donne hanno tratto maggiore beneficio dal supporto della preghiera che ha offerto, e non è un aspetto da poco, anzi merita di essere sottolineato con la massima attenzione, lenimento dalle paure e dall’angoscia. La fiducia in Dio non ha mai abbandonato le anziane di una città con quartieri molto religiosi. Abbiamo poi il caso di donne che sono state ricoverate in ospedale durante questo tormentato periodo. E dobbiamo dire che le stesse hanno dimostrato minore angoscia rispetto all’uomo, forse perché maggiormente abituate a vivere intimamente le paure e i timori per il futuro. Ci risulta che persino nelle case di riposo le donne si siano dimostrate più serene e abbiano accettato la chiusura delle porte con maggiore tranquillità, mentre gli uomini hanno vissuto con molta difficoltà l’adattamento alla nuova situazione. Anche il rapporto con gli operatori è stato più facile per le donne, che meglio accettavano rapporti affettuosi e la vicinanza fisica”. Tutto ciò, quindi, con la capacità di cambiare, all’improvviso, abitudini e prospettive, attingendo alle risorse interiori più sotterranee e a quella “imperfezione” che dona loro flessibilità e forza per superare la sofferenza. Con la capacità di riorganizzare i gesti quotidiani, di prendersi cura degli altri e di modificare persino le dinamiche interpersonali, per far fronte alle avversità. In silenzio ma con determinazione, tenacia, fiducia e coraggio. È la donna che genera e che protegge, sempre, la vita. “Un modo di pensare – continua Schininà – che abbiamo riscontrato tra le “nostre donne” e che ha consentito a queste ultime di essere in assoluta simbiosi con un modo di agire che si pretendeva potesse essere adeguato alle difficoltà dell’emergenza sanitaria che stavamo, e in parte stiamo, vivendo. Una risposta di carattere che anche a Ragusa merita di essere sottolineata per le ricadute positive che la stessa ha determinato”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI