100 Passi per Modica: “Personale sanitario, eroi a tempo”

Sono stati chiamati “eroi” fino a qualche giorno fa, fino a quando, in piena emergenza, sono stati in prima linea a combattere contro un nemico invisibile, il Covid-19 che ha paralizzato il mondo intero. C’erano loro con i pazienti, loro che gli rivolgevano una parola dolce, un sorriso da sotto le mascherine che illuminava i loro occhi arrossati dalla fatica e dalla preoccupazione per la propria salute e per quella dei loro cari che avrebbero potuto di converso contagiare.
Questa è stata e continua ad essere la vita dei 122 ausiliari specializzati dell’Asp di Ragusa: uomini e donne che, seppure coscienti dei rischi che correvano, hanno continuato a lavorare nell’emergenza, consapevoli che il loro è sempre stato, da vent’anni a questa parte, un incarico di pochi mesi, a tempo determinato, senza garanzie.
“Oggi che i contagi – denuncia il Comitato 100 Passi per Modica  – si sono attenutati il manager annuncia di essere pronto a pubblicare una nuova graduatoria a tempo determinato, formatasi con le domande inviate lo scorso anno.
Il manager si deve attenere alla applicazione delle norme di legge che prescrivono inoltre l’abolizione della qualifica di ausiliario specializzato quale requisito specifico d’accesso.
L’emergenza però rimane, non è purtroppo superata. Non sarebbe più prudente e saggio concedere una proroga a questi lavoratori in modo da garantire un servizio puntuale supportato dall’esperienza acquisita in questi mesi? Non sarebbe più semplice e saggio garantire che gli stessi supportino il personale medico e paramedico come finora hanno fatto fino al raggiungimento dei 36 mesi utili alla stabilizzazione?
Così facendo si elimininerebbe questa forma di precariato storico e atipico e lo Stato potrebbe garantire a questi lavoratori, uomini e donne, una vera dignità sociale e umana.
La pubblicazione di una nuova graduatoria in questo periodo di emergenza otterrebbe l’effetto di rallentare la macchina sanitaria e di aumentare il precariato già esistente.
Tale graduatoria è, infatti, a tempo determinato e, di conseguenza, non risolutiva.
Il manager stesso ha dovuto prendere atto che in altre graduatorie l’uso dell’autocertificazione si è dimostrato strumento non perfettamente veritiero che ha creato e continua a creare non pochi problemi di controllo successivo in quanto post pubblicazione, delle dichiarazioni rese. Anche in questo caso i lavoratori otterrebbero oltre il danno anche la beffa”!
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI