Oggi è la 54^ Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali

Oggi è la 54ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, l’unica “giornata” istituita dal Concilio Vaticano II. Il tema della giornata come ogni anno è stato presentato dal Papa, durante la festa del Patrono dei giornalisti, San Francesco di Sales, il 24 gennaio. L’edizione 2020 è incentrata sull’importanza della narrazione. «Perché – spiega il Papa – credo che per non smarrirci abbiamo bisogno di respirare la verità delle storie buone: storie che edifichino, non che distruggano; storie che aiutino a ritrovare le radici e la forza per andare avanti insieme».

Oggi la comunicazione ha bisogno di tornare ad essere sempre più umana, che parli «di noi e del bello che ci abita». L’umanità ha bisogno di narrare il mondo e gli eventi con tenerezza, rivelando l’essere parte di una comunità, unita e intrecciata.

Il messaggio del Pontefice tocca cinque punti riguardanti la vita che si fa storia. Il primo il compito di ogni comunicatore è quello di tessere storie. «L’uomo è un essere narrante perché è un essere in divenire, che si scopre e si arricchisce nelle trame dei suoi giorni. Ma fin dagli inizi, il nostro racconto è minacciato: nella storia serpeggia il male.

Il secondo aspetto riguarda le fakenews e l’uso strumentale attraverso lo storytelling. Non tutte le storie sono buone e belle, «quante storie – spiega il Papa – ci narcotizzano, convincendoci che per essere felici abbiamo continuamente bisogno di avere, di possedere, di consumare. Quasi non ci accorgiamo di quanto diventiamo avidi di chiacchiere e di pettegolezzi, di quanta violenza e falsità consumiamo». Le storie strumentali e di potere hanno sempre vita breve, mentre una storia buona è in grado di andare oltre lo spazio e il tempo, e così rimanere attuale a distanza di secoli, semplicemente perché nutre la vita.

«La Storia delle storie» è la Sacra Scrittura, in cui vengono presentate e raccontante vicende e vite di popoli e persone. In questo terzo punto, Papa Francesco invita a rimanere ancorati all’umanità, a narrare, a tessere e a ricamare belle storie, come quella di Dio con il suo Popolo. Il titolo del messaggio, per questa giornata, è tratto dal libro dell’Esodo, «perché tu possa raccontare e fissare nella memoria» (Es 10,2). Questa frase è un invito a raccontare sempre la verità, e far sì che la storia si faccia vita.

Il quarto aspetto si incentra sull’attualità del racconto. La storia non è un patrimonio del passato, ma è sempre attuale. Le storie si rinnovano, perché raccontano l’uomo e il suo rapporto di libertà con il mondo. Ogni storia non è né piccola né insignificante, ma va raccontata, condivisa, resa viva con ogni linguaggio, e con ogni mezzo.

«Una storia che ci rinnova» è l’ultima parte del messaggio di Papa Francesco, e riguarda l’azione dell’uomo che fa e racconta la storia. «Nessuno – sottolinea il Pontefice – è una comparsa nella scena del mondo e la storia di ognuno è aperta a un possibile cambiamento». Il racconto non è una logica di pura pubblicità, ma serve a fare memoria e a testimoniare.

Per comunicare la verità e la bellezza bisogna scegliere una strada controcorrente. Perché oggi molta comunicazione oggi è fatta di racconti falsati, costruiti per danneggiare l’avversario, di trabocchetti e di finte verità. «In un’epoca in cui la falsificazione si rivela sempre più sofisticata, raggiungendo livelli esponenziali (il deepfake) – spiega il Papa –, abbiamo bisogno di sapienza per accogliere e creare racconti belli, veri e buoni. Abbiamo bisogno di coraggio per respingere quelli falsi e malvagi. Abbiamo bisogno di pazienza e discernimento per riscoprire storie che ci aiutino a non perdere il filo tra le tante lacerazioni dell’oggi; storie che riportino alla luce la verità di quel che siamo, anche nell’eroicità ignorata del quotidiano».

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI