“Confronto” chiede società di gestione per Porto di Pozzallo

La gestione del Porto di Pozzallo è stata, ancora una volta, oggetto di discussione per il Consiglio Direttivo di Confronto. Da ricordare che lo scorso mese di febbraio, in occasione della inaugurazione della stazione passeggeri del porto di Pozzallo, una delegazione dell’associazione ha prospettato al Commissario straordinario del Libero Consorzio dei Comuni della provincia di Ragusa, dott. Salvatore Piazza e al presidente della Regione Siciliana, on. Nello Musumeci, la necessità di affidare la conduzione del porto di Pozzallo ad un organismo di gestione che possa occuparsi di creare i presupposti per un rilancio immediato dell’importante scalo marittimo che, con l’aeroporto di Comiso e l’autoporto di Vittoria, completa un triangolo strutturale di straordinaria importanza per la movimentazione merci e passeggeri da e per la provincia di Ragusa. Il tutto anche attraverso la nomina in tempi brevi di una figura professionale, avente i requisiti richiesti per un incarico di tale portata, per una gestione autonoma e mirata allo sviluppo della struttura, oltre che per l’avvio dei contatti necessari per arrivare al più presto alla costituzione, col coinvolgimento di tutte le realtà istituzionali ed imprenditoriali del territorio, di una società di gestione capace di rappresentare e tutelare gli interessi di tutto il sud-est siciliano. Il direttivo di Confronto sull’argomento ha deciso di ulteriormente sensibilizzare l’intera classe dirigente iblea a fare un salto di qualità puntando ad una diversa e più utile gestione delle struttura portuale nell’esclusivo interesse di chi sul territorio investe e produce.
“Il porto di Pozzallo – ha sottolineato Enzo Cavallo, presidente dell’Associazione – gode di una invidiabile posizione geografica, unica e strategica. L’ingiustificato lungo silenzio-assenso della Regione Siciliana, titolare della struttura, ha dato di fatto il via libera ad una ormai consolidata gestione “fai da te”. Corta e asfittica, pertanto, la catena produttiva. Incompleta e inadatta a valorizzare le enormi potenzialità dello scalo marittimo che, come abbiamo affermato più volte, merita un’attenzione particolare. Il collegamento con Malta tramite catamarano, gestito in esclusiva da una società maltese, e le attività svolte dalle imprese portuali insediate da tempo, rappresentano una realtà produttiva certamente positiva, ma non equilibrata dal punto di vista occupazionale ed operativo rispetto all’investimento di circa 200 miliardi delle vecchie lire a suo tempo sostenuto dalla Cassa per il Mezzogiorno, ed ai vari interventi successivi. In prospettiva va considerato inoltre che, dopo il completamento della stazione passeggeri e con il progetto di messa in sicurezza e il potenziamento delle banchine da realizzare con fondi europei, il porto di Pozzallo diventerà sicuramente appetibile punto di approdo per il turismo da crociera oltre che per l’apertura dell’autostrada del mare di cui parla de tempo. Il tutto con ricche ricadute sul territorio e l’intera provincia. Per questo, contando sulla già confermata disponibilità del dr Piazza, commissario straordinario del Libero Consorzio dei Comuni di Ragusa, puntiamo ad avere un incontro col presidente della Regione per trovare una soluzione al problema, non più differibile, della vacatio di gestione”.

  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI