Consorzio di bonifica. Flai: “Riconoscimento scatti anzianità”

Riconoscimento a tutti i lavoratori del Consorzio di Bonfica di Ragusa  che hanno avuto la trasformazione del loro rapporto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato, dei previsti scatti di anzianità, da loro già maturati e che, come impartito dal CCNL, dovrebbero essere attribuiti in maniera automatica. Lo chiede Salvatore Terranova, Segretario generale della Flai Cgil di Ragusa, al Commissario del Libero Consorzio Comunale e al Direttore dell’organismo interessato. “Da  parte nostra – spiega – si tratta una problematica talmente scontata ed abbbiamo sperato fino all’ultimo di vederla risolta senza alcun intervento. Ad oggi questi lavoratori non hanno ricevuto nè l’attribuzione né la liquidazione delle spettanze dovute. Evidenziamo questo fatto, perché esso oggi assurge al ruolo di simboòl di questo ente consortile.  Nel senso che ormai ci siamo convinti sempre più di come il Consorzio abbia del tutto smarrito  la mera e semplice possibilità di gestire fatti di modesta importanza e del tutto secondari, come ad esempio quello degli scatti di anzianità agli aventi diritto. Di come questo fatto dia il segno della totale assenza di programmazione e di una gestione adeguata degli aspetti amministrativi del Consorzio  e ci fanno propendere per la necessità, del resto più volta evenziata nel corso dei vari incontri, ma ancora inascoltata, di una maggiore presenza dei vertici dell’ente al fine di poter, gradualmente e con lo sforzo di tutti, recuperarlo ad una dimensione accettabile, sia sul versante gestionale che su quello delle finalità istituzionali cui esso è chiamato, così da rimetterlo su un percorso di produttività e di strumento funzionale alle esigenze dei settori interessati e del territorio.

Non si può più lasciare il Consorzio alle prese di una gestione a “distanza” che si è rivelata del tutto inadeguata, producendo solo disfunzioni e diseconomia. Per cui occorre al più presto costruire, su una miriade di aspetti, da quelli più importanti a quelli magari secondari, un assetto amministrativo e gestionale efficiente, atteso che il Consorzio utilizza denaro pubblico e che possibili disfunzioni  potrebbero portare al suo sciupio.
Diciamo questo  – conclude Terranova – perché in molti casi, peraltro del tutto risolvibili, il Consorzio ha sempre costretto i lavoratori a far ricorso alle vie giudiziarie per ottenere un diritto, comportando ciò sempre un aggravamento dei costi  per le finanze pubbliche.
In merito al predetto riconoscimento, questa Organizzazione sindacale attenderà ancora un’altra setiimana dal recepimento del presente documento da parte vostra, dopo di che, se nulla nel frattempo sia stato fatto, sarà adita la via  legale, precisando che mai come cgil abbiamo fatto ricorso alle vie legali, onde evitare di accrescere i costi in capo all’ente, ma di fronte alla totale e intenzioanle disattenzione altro non le resta da fare”.
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI