Aumento randagismo a Ragusa. La denuncia del Pd

Cuccioli abbandonati, randagi lasciati allo sbando, senza alcun tipo di sostegno. Una situazione senza precedenti che racconta un altro aspetto dell’emergenza: l’aumento del randagismo. A lanciare l’allarme i consiglieri comunali del Pd di Ragusa Mario Chiavola e Mario D’Asta. “Il problema – spiegano – è stato duplice. Da una parte gli abbandoni, da parte dei soliti irresponsabili, arrivati alle stelle. Dall’altra il blocco delle potenziali adozioni: è stato impossibile, finora, trasportare con una certa regolarità i cuccioli. Oggi più che mai, dunque, l’appello è quello di non abbandonare
i nostri amici a quattro zampe che in un momento tanto delicato sanno offrirci
quell’affetto di cui abbiamo bisogno. Anche se l’Asp non ha fatto venire meno i propri servizi, ci si rende conto che i costi di cibo e veterinario sono alti. E quindi sono necessari fondi ad hoc. Vogliamo sottolineare l’impegno dei volontari che, a maggior ragione da quando ha preso il via la fase 2, si stanno adoperando per non fare mancare alcun tipo di sostegno ai randagi in questione, soprattutto alle colonie presenti nella zona artigianale di contrada Mugno. Riteniamo, però, che sia arrivato il momento di occuparsi, una volta per tutte, della questione e trovare le soluzioni più
adatte, facendo in modo che siano contemperate le esigenze di tutti. Bisognerà arrivare a una soluzione condivisa, e il più presto possibile, per garantire quelle
risposte che tutta la cittadinanza si attende”.

  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI