Scoppio bombola a Modica. Per la vittima ustioni di 2° grado

Ha riportato ustioni di secondo grado sul 45% del corpo il 49enne modicano Angelo Poidomani, che domenica pomeriggio è rimasto vittima dell’incendio provocato dallo scoppio di una bombola di gas nella sua abitazione di Contrada Dente Crocicchia a Modica. La deflagrazione è stata devastante, visto che ha letteralmente sventrato l’immobile. Sul posto polizia, carabinieri, polizia locale, vigili del fuoco, protezione civile e l’ambulanza del 118. All’Ospedale Maggiore, sono stati i medici della Rianimazione, in testa il primario Rosario Trombadore, a decidere il trasferimento. In un primo momento si era detto al Centro Grandi Ustioni di Catania ma, successivamente, si è optato per il “Civico” di Palermo, in Terapia Intensiva che annovera anche un Centro per Gravi ustionati.

A causa della deflagrazione che ha determinato lo scollamento del tetto di copertura e lo spanciamento di alcuni muri interni e perimetrali, pertanto l’abitazione è da considerare inagibile.

L’uomo è in prognosi riservata. Angelo Poidomani è sacrista, da qualche tempo, presso la Basilica Madonna delle Grazie. Proprio ieri aveva festeggiato il compleanno.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI