Covid. Deceduto a Milano lo scultore modicano Giovanni Blandino

E’ deceduto a Milano lo scultore modicano Giovanni Blandino, 83 anni. Era stato operato da poco tempo al cuore. Purtroppo la sua situazione si è complicata per via del coronavirus. In dicembre aveva preso parte ad una mostra proprio nella sua città natale con il pittore Guido Cicero. Nato nel 1938, dimostrò sin da giovane una spiccata sensibilità per il mondo dell’arte. Frequentò la Scuola d’Arte di Siracusa e di Comiso, per poi passare all’Istituto d’Arte di Palermo.

Trasferitosi definitivamente a Milano, iniziò a frequentare i corsi dell’Accademia di Brera sotto la guida di Francesco Messina, diplomandosi e frequentando, successivamente, i laboratori artistici di Ivo Soli e di Nino Galizzi, inaugurando una propria prima mostra pittorica nel 1958 che aprirà la strada ad altre personali tenutesi nel 1975 presso la Galleria “La Ribalta” di Pavia, nel 1976 a Trento, nel 1977 a Trieste, nel 1979 a Bologna. A Milano conosce anche Saverio Terruso col quale intratterrà un rapporto di amicizia e collaborazione.

Scultore definito dalla critica di grande spessore culturale ed artistico, si dedica ancora oggi prevalentemente alla scultura e al disegno. Nel 1970 ha partecipato alla biennale Nazionale d’Arte “La Permanente” di Milano, alla Biennale d’Arte di Venezia nel 1976 ed al Simposio Internazionale di Scultura di Prilep, nella ex-Jugoslavia.

Nel corso della sua carriera ha realizzato sculture per enti pubblici e privati fra cui, nel 1977, una per il Comune di Cento e nel 1989 per il Comune di Modica (“I Martiri di Passogatta”). Nel 1981 la un’ampia retrospettiva gli viene dedicata dal comune di Casalpusterlengo e nel 1986 espone presso la galleria Carini di Milano presentata da Raffaele De Grada; l’anno seguente espone alla galleria De Bernardi di Busto Arsizio. Nel 1992 e nel 1993 espone alla Biennale di Arte Sacra di Cremona. Nel 1995 espone delle opere alla terza rassegna internazionale del bronzetto a Trieste ed alla mostra internazionale di pittura e scultura “Expo” di Genova. Nel 1996 è in Giappone nell’ambito dell’evento “Arte senza Frontiere”.

La carriera dell’artista attraverso le sue opere è stata recentemente presentata in diverse mostre personali fra cui quella del 2002 presso lo Spazio Labora, mentre alcune sue opere sono state esposte nella mostra itinerante “Fascinosum et Tremendum” tenutasi a Renazzo-Montevarchi-Torino. Nel 2002 a Cuggiono non ha mancato di partecipare alla mostra “40 opere per un percorso di disegni di arte contemporanea” presso la locale Villa Annoni come ospite speciale.

Alcune sue opere si trovano in esposizione permanente presso la Galleria “Ponte Rosso” di Milano e presso l’Associazione Culturale “La regina di quadri” di Modica e al palazzo della Permanente di Milano. Negli ultimi anni ha rivolto la propria arte anche alla scrittura redigendo il volume Poesia e realtà nelle opere di Giovanni Blandino, un modo semplice e raffinato per spiegare il suo modo di concepire l’arte moderna.

Viveva a Cuggiono ma operava prevalentemente nel suo studio di Milano.

Un altro modicano, d’indubbio talento artistico, legatissimo alla sua città ci ha lasciati, afferma il Sindaco Abbate.
La scomparsa di Giovanni Blandino, scultore di fama e maestro di giovani artisti vocati alla scultura, ci rattrista e ci lascia un vuoto incolmabile non solo per quello che ha rappresentato nell’ambito della grande scultura italiana moderna – fu per anni docente all’Accademia di Brera- ma per il suo amore per Modica che da qualche anno non vedeva a motivo delle sue precarie condizioni di salute.
A Modica rimane una sua mirabile testimonianza ovvero la statua di bronzo, simbolo dell’Eccidio di Passo Gatta del 29 maggio del 1921, commissionata dal Comune di Modica nel 1989 che segna una delle pagine più buie nella storia della nostra città nella battaglia antifascista, costata vittime e lutti.
Alla famiglia di Giovanni Blandino ai suoi cari le mie condoglianze e della giunta municipale.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI