La Ragusa-Catania sarà realizzata con fondi interamente pubblici

“Il tentativo di far diventare un enorme business, tramite un ‘project financing’, la costruzione della più importante arteria stradale di collegamento diretto fra l’area etnea e il territorio ibleo è fallito; ormai è storia del passato. Di questo risultato va dato atto in primis al grande lavoro del Viceministro alle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri e all’ex Ministro Danilo Toninelli, che hanno ascoltato le nostre denunce sul rischio a cui si stava andando incontro affidandone la costruzione ad una ditta in evidente difficoltà economico-finanziaria, più volte indicata come priva di bancabilità, con soggetti all’interno anche inaffidabili per via di note, passate e recenti, vicende giudiziarie”. A dichiararlo è la deputata regionale del Movimento 5 Stelle Stefania Campo a proposito della conferma della realizzazione dell’autostrada Ragusa-Catania attraverso fondi pubblici, come emerso dall’odierna riunione del CIPE a Roma.

“Eravamo convinti di essere nel giusto allora – spiega Campo – e siamo felici di poter rivendicare la rettitudine della nostra azione politica, oggi. Siamo stati tacciati di ogni tipo di offesa in merito alle capacità personali, politiche e istituzionali e siamo stati denigrati pubblicamente, addirittura anche con frasi sessiste, e non solo su social media. Tanti professionisti della politica nostrana, forse quasi tutti gli attuali e purtroppo anche tanti rappresentanti delle categorie produttive, si sono sentiti spiazzati dalla nuova prospettiva tracciata dal Movimento 5 Stelle in merito alla scelta limpida e trasparente di sottrarre il progetto ai privati per darlo in mano all’Anas e rendere quindi la Ragusa-Catania una ‘grande opera pubblica’ senza caselli autostradali, senza muri di confine fra le province e le città del Sud-est siciliano e soprattutto, senza assurdi pedaggi di percorrenza”.

“Eppure – sottolinea ancora la deputata Ars – rivendicavamo semplicemente il diritto di spostarci da Ragusa, Vittoria, Modica, Acate, ecc, verso Catania senza farci mettere le mani in tasca dal grande costruttore di turno. Non era assolutamente comprensibile come si potesse pensare di poter continuare a dare forza ed energia al settore turistico (ricettivo, enogastronomico, balneare, etnoculturale) obbligando i turisti intenzionati a venire da noi a pagare un ticket di decine di euro già semplicemente per percorrere 68 chilometri. Chi ha remato contro per più di due anni, abbia il senso del pudore oggi. Chi ha organizzato manifestazioni inutili e marcelonghe, disturbando il lavoro di tanti e il traffico ordinario, dimostri il senso della misura. È finito il momento della propaganda a cui ci hanno abituato, per più di un ventennio, i vari renziani, leghisti e berlusconiani di casa nostra, oggi è il tempo dei fatti: degli impegni presi e della parola mantenuta. La Ragusa-Catania ‘pubblica e gratuita’ è un obiettivo raggiunto dal Movimento 5 Stelle”, conclude la deputata.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI