Territorio Ragusa. “Basta a iniziative e progetti fantasiosi”

0
468

Nell’ultima riunione di Direttivo cittadino del Movimento politico ‘Territorio’ è stata analizzata la situazione relativa al centro storico, al suo rilancio e alle tematiche afferenti lo sviluppo economico.
Una tendenza del Direttivo, finora, è stata quella di restare fiduciosi in attesa che fossero concretizzate le tante iniziative annunciate, una sorta di iniezione di fiducia nei confronti dell’esecutivo comunale, impegnato, in ogni caso, con una problematica corposa e delicata.
Ma l’evolversi degli eventi, meglio sarebbe dire la loro paralisi, fa propendere per una severa analisi della situazione, che si può sintetizzare nella nota che segue, a firma del segretario cittadino di Territorio, Michele Tasca :
L’ultimo evento organizzato dall’amministrazione comunale in piazza San Giovanni si è rivelato un flop, oltre ogni più benevola considerazione: non è un giudizio di opposizione ma il risultato dei commenti che dilagano sui social, anche a margine delle opinioni espresse dal presidente di un movimento politico culturale cittadino.
Ciò che si poteva prevedere e doveva essere previsto da attenti amministratori è venuto fuori prepotentemente: una piazza intasata da ingombranti gazebo, un festival del cioccolato come biglietto da visita di un normale mercatino di bancarelle, un tema come quello del cioccolato che fa sorridere a poca distanza da Modica, un flusso di pubblico in centro storico che non è stato per nulla modificato dall’evento.
Del tutto evidente che non sono queste le politiche per il centro storico e per lo sviluppo economico.
Del resto, abbiamo assessori che invece di dedicarsi alle loro deleghe, per loro stessa ammissione, si dedicano alla cultura e alle materie inerenti, o alla politica e alla ricerca di consenso per un candidato alla Presidenza della provincia.
Con risultati, finora, anche in questi campi, del tutto da dimostrare. E all’azione non certo esaltante degli amministratori, fa da pendant l’andamento lento delle iniziative annunciate dal Sindaco per il centro storico.
Silenzio sull’utilizzo dei locali dell’opera pia, silenzio sulla sorte dell’ex cinema Marino, silenzio sui progetti per i locali della ex biblioteca.
Non sappiamo se e quando potremmo passeggiare nella Vallata Santa Domenica, non sappiamo chi e quando aprirà nuove attività in via Roma, nulla si sa del destino dei locali di Carmine Putie e di via del Mercato.
Citiamo questi come punti del programma che appaiono, in buona parte, di facile realizzazione, ma sarebbe d’uopo che la città fosse portata a conoscenza dello stato delle trattative e degli iter progettuali per il palazzo Tumino, per la possibile fruizione o acquisizione dei cinema La Licata e 2000, per lo sfruttamento dell’area dell’ex scalo merci, per la realizzazione della metropolitana di superficie, tutte cose che, considerati i tempi di realizzazione e concretizzazione dei progetti, saranno solo destinati ad essere eredità per il successore del Sindaco.
È ora di dire basta a iniziative banali e progetti fantasiosi e di difficile realizzazione, la città aspetta cose concrete, anche il minimo di quanto promesso in campagna elettorale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

sei + nove =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.