L’Anpi Ragusa celebra il Giorno della Memoria

0
524

Il Giorno della Memoria,  istituito per ricordare e onorare le vittime della  Shoah e tutti coloro che furono torturati e uccisi nei campi di sterminio nazisti, è stato un monito affinché tali orrori non potessero ripetersi. E tante volte questo giorno – il 27 gennaio, in ricordo della liberazione del campo di Auschwitz avvenuta nel 1945 – è stato celebrato con manifestazioni istituzionali, politiche e culturali che hanno ricostruito la cornice storica in cui si generò quell’abisso dell’uomo chiamato Olocausto.

Una cornice storica (la guerra mondiale, la follia di Hitler) immaginata come non più ripetibile e ormai consegnata al passato.

Ma dobbiamo invece chiederci se davvero è così. Se davvero non si debbano avvertire i segnali di un pericoloso imbarbarimento. E se non si dovrà fare tutti uno sforzo in più.

Si diffondono in maniera inquietante i germi dell’intolleranza, della discriminazione, dell’odio. Parole violente contro rifugiati e migranti, bestialità razziste nello sport con striscioni e cori da stadio, assalti a famiglie Rom costrette a lasciare le case legittimamente assegnate, saluti fascisti esibiti senza vergogna, manifestazioni nostalgiche del fascismo, ostilità gratuite contro i diversi, stupri e violenze sulle donne, addirittura attacchi a Papa Francesco per le sue parole di umanità e accoglienza, gesti di vendetta contro gli ebrei fino a segnare con lo spray la casa del figlio  di una deportata a Ravensbruck. Le minacce alla Senatrice a vita Liliana Segre.

Nel 2019 l’Italia ha registrato 969 reati legati a razzismo, identità di genere e disabilità: uno ogni 9 ore. Sono aumentati i casi di incitamento alla violenza, le aggressioni fisiche, gli atti di vandalismo. Molti, sottovalutando o giustificando, li considerano fatti isolati, singoli, sporadici, frutto di qualche esaltato.

Ma, purtroppo,  la cosa grave, gravissima, è che questi atti sono favoriti da un clima generale, da un silenzio complice o – peggio ancora – dalla quotidianità di un linguaggio feroce, dalla brutalità di certa politica, da una cultura immorale e cinica,da una indifferenza che rende “normale” assistere a questi episodi.

Se lo Stato, le Istituzioni, i partiti, se 

Con questa ansia e questo impegno, vorremo vivere il 75° anniversario del Giorno della Memoria.

L’ANPI di Ragusa promuoverà per tutto il 2020 iniziative per ricordare e testimoniare l’impegno per la difesa della democrazia la tutela e la completa attuazione della Costituzione e per affermare principi di tolleranza e solidarietà contro le diseguaglianze e ogni forma di violenza verbale e fisica.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

due × 5 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.