Sul consiglio comunale di Modica, le valutazione di 100 Passi

0
525

Il rinvio di lunedì, voluto dalla maggioranza consiliare di Modica, in merito alla  richiesta di revoca delle autorizzazioni al Biometano in Contrada Bellamagna, unitamente alla bocciatura, sempre ad opera della maggioranza, della mozione sul Piano del Verde Pubblico,  secondo il Movimento Cento Passi “confermano  che i consiglieri comunali di maggioranza agiscono solo nell’interesse politico dell’amministrazione pro tempore, così venendo meno all’impegno di adempiere le loro funzioni con scrupolo, coscienza e, soprattutto, nell’interesse superiore della comunità”.

“C’è un’incapacità (o la mancanza di volontà) politica dell’amministrazione pro tempore di far prevalere gli interessi generali della comunità – spiega il portavoce, Antonio Ruta -. La refrattarietà dell’amministrazione pro tempore a qualsivoglia forma di pianificazione o di programmazione di medio/lungo termine, con la conseguenza di esporre la città a fenomeni speculativi, l’isolamento di Modica rispetto alle altre realtà del comprensorio provinciale, la chiusura  pregiudiziale dell’amministrazione pro tempore nei confronti di una larga fetta della società modicana e dei bisogni dalla stessa espressi”.

Per il Movimento in questo modo “si stanno ponendo le premesse per un sempre crescente peggioramento della qualità della vita, lasciando la città senza una vera guida politica e senza una rotta da seguire, ma rimessa nelle mani di un “capitano” che ha accelerato a tal punto i motori delle sue ambizioni personali, da dimenticare il rischio di impatto contro gli iceberg disseminati lungo il tortuoso percorso della vita”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

due − 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.