L’omicidio di Modica: Peppe Lucifora fu picchiato e strangolato

23
6811

E’ stata depositata giovedì la relazione relativa all’autopsia effettuata sul corpo di Peppe Lucifora, 57 anni, cuoco presso l’azienda sanitaria di Ragusa e appassionato di storia locale e tradizioni. Su incarico della procura di Ragusa – le indagini sono coordinate dal sostituto Francesco Riccio – gli esami sono stati effettuati dal medico legale Giuseppe Iuvara e dal tossicologo forense, Pietro Zuccarello.

Secondo quanto emerge, Lucifora è stato assassinato da una persona che lo ha colpito con violenza, tanto da fargli perdere i sensi e lo ha poi soffocato strangolandolo con la mano destra. Secondo le evidenze degli accertamenti, non ha opposto alcuna difesa.

Il legale della famiglia della vittima, Ignazio Galfo, ha richiesto una copia forense del tablet per effettuare alcuni accertamenti di parte. I tre fratelli di Lucifora risultano parti offese. Intanto le indagini affidate ai carabinieri proseguono nella ricerca del responsabile dell’omicidio, non ancora individuato. Non sono stati ritrovati il telefono di Lucifora e la chiave che chiudeva la stanza dentro la quale è stato rinvenuto il cadavere. (AGI)

23 Commenti

  1. 60 giorni x sapere quello che si è detto dal primo giorno, intanto a Modica gira libero un assassino.

  2. E se l’omicida avesse una corporatura robusta , alto più di 180 cm e pesasse oltre i 120 kg e fosse del quartiere Dente (d’Oriente ) ?
    E forse è stato pubblicato da un qualche anziano giornalista un articolo sul suo conto qualche anno fa ?

  3. @terrorista, visto che tu sai sempre tutto, perché invece di fare allusioni, non fai il cittadino modello e fai questo nome alle forze dell’ordine?

  4. @ Zio Totò :
    Se vogliono sanno dove trovarmi . . .
    Una volta mi è bastato : mi son trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato , ho fatto la cosa giusta . . sbagliando .
    Un ufficiale dei CC ha pensato che fossi stato io ad appiccare il fuoco , che avevo spento . . .

    A comportarsi da “cittadino civile”spesso se ne pagano le conseguenze . . non per nulla sono “terrorista” . .

  5. Solo un individuo corpulento e particolarmente violento riesce a strangolare con un mano una vittima
    che pesa all’incirca 50 kg .
    E se fosse con patologie derivate da iper-tiroidismo ?
    Di sicuro è un individuo che ha avuto problemi nell’infanzia , e magari ha subito abusi vari .
    Non credo che gli appartenenti alla Benemerita non abbiano già individuato il soggetto .
    Forse stanno aspettando ulteriori prove , od un passo falso per inchiodarlo .

  6. @terrorista
    Mi hai suscitato un sorrisetto, non malizioso, per carità, ma lo sai benissimo che chi di dovere conosce il tuo nome e recapito, ma sicuramente gli investigatori avranno vagliato tutto e sono sulle tracce dell’assassino, solo è importante evitare equivoci o analogie sull’identikit. Gli identikit possono calzare a più persone e solo l’incrocio di informazioni e la perizia degli investigatori potrà identificarlo con certezza, le informazioni in mano all’opinione pubblica metterebbero alla gogna qualche innocente.

  7. Leggo solo manie di protagonismo da parte di tanta gente, ma nulla di sensato o di utile. Vedo che tutti aspettano, aspettano non so cosa… cosa c’è dietro… tutti aspettano la notizia clamorosa di qualche cosa di strabiliante occultata agli occhi di comuni mortali. Tutti restano impressionati dall’accumulo di soldi che Peppe aveva, nessuno riesce a vedere, pur conoscendo il personaggio che ciò (un notevole capitale) era assolutamente prevedibile: se una persona per tanti anni guadagna e non spende nulla, ottieni regali per la sua simpatia o empatia nei confronti degli altri, cosa puoi trovarti dopo tanti anni? Perchè tanto stupore? L’omicidio, su questo non si riesce a capire perchè le persone che lo conoscevano bene e che magari erano compagni nella sua vita non siano riusciti a dare informazioni utili, sappiamo che è stato ucciso con la mano destra (non si capisce cosa questo vuole significare) ma non sappiamo se l’omicida ha rubato soldi. Aspetteremo gli sviluppi del caso con rispetto.

  8. @ puppetta :
    Ed il suo intervento come lo definisce o lo chiama ?
    Lei che con la complicità di terzi ha diversamente “maschierato” alla Benemerita fatti e circostanze in un indagine , a cui è seguito un processo cercando di far condannare un individuo che lei sapeva innocente .
    Ma non è che ora sta cercando di mettere le mani avanti , nell’intento di pararsi le terga da possibili indagini ( in altra indagine . . . ) che la trovano coinvolta (giocoforza) ?
    “ASPETTERMO GLI SVILUPPI DEL CASO CON RISPETTO”.
    Vero è che :”il lupo perde il pelo ma non il vizio”, ma cerchi di evitare di provocare reazioni .

  9. @ Sara :
    Certo che è qui . . e auspico che i CC lo inchiodano una volta per tutte .
    E non sono tanti gli individui che corrispondono alla descrizione fatta da”terrorista”.
    Uno di questi è particolarmente pericoloso , minaccioso ed aggressivo .

  10. @Puppetta
    Guarda, guarda che salta fuori su colei che vuole insegnare gli altri a vivere.
    Finalmente chiari tendenze e pensiero
    Ma per favore
    Ahahahahahahahahahahaha

  11. Poverello, secondo me copia da qualche romanzo giallo, “nell’intento di pararsi le terga da possibili indagini che la trovano coinvolta giocoforza…” è stupendo. Manco il tenente Colombo ci sarebbe arrivato, lui ha scoperto il “gioco” losco ed i colpevoli. Gatton gattoni perdendo il pelo non si provocano reazioni.

  12. @ Giulio : Certo che pero , puppetta non nega , la mette sull’elusione romanzata .
    Chiaramente è una che legge e scrive romanzi , e sa cucire trame per bene .

  13. @ pupputta :
    Veda puppetta come dice qualcuno lei”romanza” , ma sull’omicidio di Peppe c’è poco da romanzare .
    Se un cecchino avrebbe eliminato Peppe da lunga distanza , basterebbe cercare tra gli adusi allo sniper .
    Ma il colpevole ha colpito corpo a corpo tramortendolo e poi lo ha strangolato con una mano .
    Pertanto e da ricercare tra gli individui dediti alla violenza , con una mole imponente e con un carattere aggressivo e con una personalità deviata alla delinquenza .
    Io ne conosco alcuni che corrispondono a queste caratteristiche , ma di uno mi ricordo in particolare . . .
    E pare si presti a fare il super-bullo per Modica .

  14. Un’altro caso risolto dal commissario modicano e dal vice terrorista. La giustizia vola, grazie a loro verrà assicurata alla giustizia una grassa puppetta, beccata con i suoi 120 kg e carattere aggressivo. E’ colei che vuol insegnare a vivere anche al signor Giulio e finalmente tutto è sistemato. Signora puppetta, si rassegni i segugi l’han beccata finalmente e non se la faranno scappare, brutta manigolda. Un salutone a questi benefattori della società, altro che Topolino e Pippo.

  15. Finalmente è spuntato Yoghi. Il Ciop della Cippuppetta. Il suo sugo di maiale…
    Anche se a ben osservare la prosa bulla, entrambi alias dello stesso ceppo.
    Eravamo tutti in trepida attesa, che per un attimo avevamo sperato avesse trovato un lavoro, tanto da smettere di dar noia ai lettori.
    Che poi, oltre alle solite contumelie, non va, non vanno, credendo di essere divertenti.
    Ora capisco la loro difesa ad oltranza al nulla renziano, intesa al raggiungimento della prescrizione (la pacchia dei delinquenti). A leggere Terrorista che li conosce bene e che segnala la loro familiarità alle caserme, si potrebbe anche pensare che entrambi (o sempre la solita), mettono le mani avanti in caso di eventuale procedimento penale sfavorevole.
    Adesso aspettiamo la risposta “dotta” di Puppetta.

  16. Grosso o mingherlino che sia, chiunque può far del male a una persona specie se (come ipotizzo io) l’assassino ancora senza un nome l’abbia aggredito alle spalle dopo un diverbio sfociato poi ad una violenta aggressione, prendendolo sempre alla sprovvista l’avrà fatto rovinare a terra e infine ha portato a termine la sua macabra decisione di eliminarlo.
    Comunque Peppe Lucifora era fiducioso di lui e questo è sicuro, la giustizia al termine farà il suo corso sperando al più presto che possa individuarlo e porre fine a questo delitto pieno di ombre.

  17. @ Giulio :
    “puppetta e ‘zulu” non sono la stessa persona , ma sono stati amanti ed anche complici nel voler far condannare “terrorista”…ed hanno avuto dalla loro un vecchio compagno di scuola di ‘zulu in servizio nella Benemerita che ha portato avanti delle indagini “artefatte” per cercare di incastrarlo . . .
    Se solo la moglie di ‘zulu avesse scoperto la tresca , avrebbe per sicuro imitato la Lorena Bobbit . . .
    Stia sicuro che eluderanno ogni risposta a breve .. forse “puppetta” potrebbe venire fuori più in là con una sua “autobiografia” romanzata , ma escludo un’esposizione di ‘zulu per carenza di “attributi”..

  18. Ora se a condurre le indagini sull’omicidio di Peppe , sia stato lo stesso personaggio che ha “coadiuvato” lo scellerato”piano artefatto” nell’incastrare “terrorista” , non mi meraviglierei se non si arrivasse a nulla . . .

    Auspico che si riesca a risalire al “frankenstein” … e sempre Onore all’ARMA .

  19. @Cittadino
    Ora capisco perché l’uno, arriva in soccorso dell’altra e viceversa.
    Non conoscevo, e francamente non m’interessano le loro misere vicende.
    Mi basta sapere, che qualunque loro espressione politica, sociale, a mio modesto parere, è irrimediabilmente dettata da una faziosa rivalsa nei confronti altrui (perché, poi, boh…!)
    Loro non sono perché sono, ma sono per dispetto.
    Non è necessaria la mia chiarezza, comprenderanno benissimo.
    Grazie
    Eviterò di abboccare alle loro provocazioni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

5 × due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.