M5S Modica. Sulla crisi finanziaria e sui conseguenti ritardi nei pagamenti del Comune. Occorrono azioni serie

Nei giorni passati un giornale locale titolava “Stipendi a Modica non pagati? Colpa dei cittadini”; l’allusione, esplicita e gratuita, andava ai 5 Stelle modicani e al suo rappresentante in Consiglio Comunale, Marcello Medica. Ci piace fare chiarezza in merito, in quanto riteniamo che cavalcare la tigre dei disagi popolari, additando arbitrariamente un responsabile dei mali tutti del mondo, sia facile; distorcere la realtà, ritagliandola in funzione delle proprie strumentali interpretazioni, non sia lecito!
A tal fine, si ribadisce che il ritardo e il mancato versamento di quanto dovuto dall’Amministrazione Comunale agli aventi diritto è cosa che preoccupa il nostro Portavoce e, insieme, noi del Meetup M5S Modica. Insieme – lui, noi e chiunque dotato di buon senno – nutriamo la speranza che si concretizzino prontamente le rassicurazioni dal Consigliere stesso ricevute, come risposta anche ad una specifica interrogazione urgente, e vengano prontamente corrisposte a tutti i dipendenti le spettanze dovute e pattuite, in onore a un sacrosanto e intangibile diritto, così come sancito dall’art. 36 della Costituzione Italiana.
La questione dei pagamenti non corrisposti da parte dell’Amministrazione Comunale, ha sicuramente diverse cause e tra queste la pesante difficoltà e l’ingombrante inefficacia che mostra l’azione di recupero dei crediti condotta dall’Amministrazione Comunale. Prova ne è la pesante voce in bilancio dei “Residui attivi” non riscossi che di anno in anno si ingigantisce sempre più. Nel bilancio consuntivo 2018 – ha fatto rilevare il nostro Portavoce –, la TARI accertata ammontava a 11.155.055,85 euro; di questa somma ben 6.246.091,35 euro costituivano i “Residui non riscossi”! Il 56%! Se a ciò si aggiungono i residui attivi di IMU, TASI e Altri Proventi, si arriva all’astronomica somma di 9.636.284,32 euro di Residui di competenza del 2018.
A ciò si accompagna, inoltre, la ormai strutturale superficialità con la quale si procede all’invio di troppe bollette errate; il che costringe molti cittadini ad inutili e snervanti file presso l’Ufficio Tributi o induce a pagamenti impropri chi non è in grado di accorgersi dell’errore e, di conseguenza, versa le somme richieste senza ricorrere ad una verifica. Tutto ciò è anche la conseguenza della confusione che si registra nel settore della riscossione tributi: rispetto a tale situazione l’Amministrazione Comunale ha più volte annunciato – ma non ha ancora messo in opera – la volontà di porre rimedio mediante una riorganizzazione maggiormente funzionale dell’Ufficio TARI, che ne comprenderebbe anche il trasferimento presso l’Ufficio Ecologia, nella zona artigianale di contrada Michelica.
Riteniamo, pertanto, che a risanare l’attuale situazione finanziaria, possa concorrere – in maniera necessaria sebbene non immediatamente risolutiva –, oltre ad un’azione volta alla riduzione della spesa pubblica e in primis degli sprechi, la volontà politica e la competenza operativa per porre mano a una incisiva e puntuale azione di recupero dei crediti. Tutto questo, mantenendo alta l’attenzione verso i soggetti economicamente deboli (attivando opportune azioni, quali, una fra tutte, la rateizzazione già in parte messa in atto) e studiando anche ipotesi di baratto amministrativo attraverso il varo di una specifica delibera di regolamento ad hoc. In conformità a tale regolamento, per l’adozione del quale il M5S di Modica presenterà presto una specifica mozione in Consiglio Comunale, i cittadini possono proporre al Comune un progetto di pubblica utilità e di sottrarre il suddetto impegno e lavoro dal debito tributario dovuto nei confronti del Municipio. L’Ente Comune, dal canto suo, oltre che recuperare il corrispondente credito, godrebbe anche del vantaggio di contenere il ricorso a ditte esterne per alcune opere di manutenzione o per l’attivazione di alcuni servizi.
Nell’approssimarsi delle festività natalizie e preso atto del parziale pagamento delle spettanze ai lavoratori della IGM, auspichiamo e chiediamo con forza all’Amministrazione Comunale di fare tutto il possibile affinché nei prossimi giorni vengano erogate, a tutte le categorie di lavoratori diretti e indiretti del Comune, le altre spettanze dovute e pattuite, consentendo a tutti di trascorrere un Natale quanto più sereno possibile.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI