Consiglio Comunale di Monterosso Almo. Parla il presidente

Ieri sera si è svolto il Consiglio Comunale, durante il quale, tra l ‘altro, è stato approvato il rendiconto per l’esercizio 2018.
“Appena insediata questa amministrazione – afferma il presidente del Consiglio, Giovanni D’Aquila – ha trovato una situazione che dire disastrosa è ben poca cosa. Oggi possiamo dire senza timore di essere smentiti, che la rotta è cambiata. Capisco che qualche consigliere di minoranza avrebbe voluto far credere che questo sia anche frutto e merito della passata amministrazione, questo tentativo oltre ad essere ridicolo, scellerato, privo di fondamenta, rasenta il ridicolo.
Ricordo – prosegue – che appena insediati, eravamo indietro di 4 mensilità agli impiegati comunali, che noi abbiamo messo a regime nel giro di 2 mesi. Sui famosi debiti Enel voglio fare chiarezza una volta per tutte. Appena insediata l’amministrazione Buscema c’era un debito di 200.000 euro, il costo annuo medio era di 200.000- 220.000 euro, l’Enel, visto che eravamo debitori, ci fece entrare nel regime di salvaguardia con un considerevole aumento della bolletta, di solito il 30%. A noi, invece, oltre il 100%. L’allora scellerata amministrazione invece di opporsi come fatto da noi a tutte le ingiunzioni, ha denunciato l’Enel alla guardia di finanza, così tutte le ingiunzioni senza opposizioni sono passate a debiti assodati che vanno pagati e i debiti passarono da 200.000 a 1.350.000.
Questa amministrazione ha avuto il grande merito di studiare le carte, senza pavoneggiarsi a sapienti e lungimiranti salvatori della patria, con sagacia e intelligenza politica e amministrativa che mancava alla passata amministrazione con il supporto di esperti e di avvocati è riuscita a bloccare tutto”. I consumi sono passati da 500.000 a 250.000. “Tale risparmio – aggiunge il presidente – non è provvisorio o sporadico ma strutturale quindi per sempre; siamo passati da una fase nella quale non si riusciva nemmeno a parlare con l’usciere dell’Enel, alla fase che il responsabile centro sud e isole è venuto a cercarci intimato anche dal Prefetto per definire la vicenda. “Siamo fiduciosi, e credo dovremmo essere anche onesti dando a Cesare quello che è di Cesare, cioè all’amministrazione Buscema il merito di averci portato nel baratro e a quella guidata dal sindaco Pagano di farci uscire“.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI