Viaggio in Grecia: come arrivarci?

0
382

Con i suoi innumerevoli posti meravigliosi, la sua cultura, la sua storia e l’acqua cristallina, la Grecia è uno dei posti più belli da visitare in estate ed in qualsiasi altro periodo dell’anno. Sono sempre tantissimi gli italiani che, specialmente d’estate, affollano le spiagge greche e godono di un clima praticamente perfetto.

Per raggiungere questo posto meraviglioso basta informarsi sui traghetti Grecia che ogni giorno partono da diversi porti italiani. Una volta giunti in Grecia è giunto il tempo di scegliere cosa visitare. Qualche giorno ad Atene sarà un piccolo inizio per fare conoscenza con il Partenone e l’Acropoli. Per poi magari spostarsi nelle Cicladi, regno di pastori, e panorami brulli e arsi dal sole. Si potrà anche partire alla scoperta di una Grecia di mezzo, con isole verdissime, lussureggianti e la cui vegetazione trova l’unica antagonista nell’acqua come le Sporadi, e quindi ad esempio Skiathos e Skopelos, o penisole che sembrano aver resistito al velenoso attacco del progresso, come quella del Monte Pelion.

Non si possono sottovalutare poi Olimpia, Delfi, Epidauro, Micene, Argo, tutti a portata di pochi km in macchina nei dintorni di Nafplio, nel Peloponneso. Nel Peloponneso si può conciliare un mare da favola con gli eroi più immortali. Perché non fermarsi un paio di notti a Sparta a rendere onore al coraggio di Re Leonida? Commossi dal suo coraggio, ci faremo bruciare dal sole nella bollente Creta, per poi cominciare il cammino a ritroso verso le nostre radici, appesi al filo di confine della nostra civiltà. Percorreremo le isole del Dodecaneso, dove la frontiera è in mano a ruvidi pastori, e dove ogni pietra ha pianto il sangue dei martiri. Sfioreremo Costantinopoli, la perduta seconda Roma, sui campi di grano di Limnos.

Ma la Grecia offre anche moltissime spiagge meravigliose. La spiaggia del relitto a Zante, Myrtos Beach a Cefalonia, Porto Katsiki a Lefkada, sono tutte spiagge che vanno viste almeno una volta nella vita. Ma poi c’è anche Porto Timoni a Corfù, e un mare dal colore incredibile da quanto è cristallino a Paxos ed Antipaxos. Spostandosi, lo spettacolo continua. Nelle Cicladi, fare dei nomi significa non citarne almeno altre 100 altrettanto belle, ma come si fa a non pensare a Plaka, a Naxos, a Marcello, a Paros, Agia Anna ad Amorgos. Le spiagge delle Piccole Cicladi sono indimenticabili, basta pensare a Pori a Koufonissi, e infatti anche noi ci torniamo anno dopo anno. E che dire di Sarakiniko, a Milos? Per non parlare di Mykonos, dove Paradise e SuperParadise sono diventate più che semplici spiagge: leggende. O Santorini, dove le rocce hanno scolpito la magia, Vlychada e la Red Beach. Dalle Cicladi è un’attimo, come due ore di aliscafo, scendere a Creta. Le sue regine sono Balos, Vai e Falassarna, ma per noi è qualunque granello di sabbia che si abbevera dal grande ventre del Mar Libico. Vacanze in Grecia significa spiagge da perdere la testa a Karpathos, talmente tante da non poterle contare. Le spiagge più belle sono anche in arcipelaghi poco conosciuti, come le isole dell’Egeo Nord Orientale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

4 × 5 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.