Alvei da manutentore a Modica. Denuncia di 100 Passi

1
803

“Su richiesta di alcuni residenti, stanchi delle inutili promesse di vari rappresentanti dell’amministrazione comunale, segnaliamo pubblicamente lo stato di degrado nel quale versano l’alveo e gli argini del torrente, in prossimità con il vecchio macello comunale”. La denuncia è del Comitato 100 passi per lo stato di degrado e cattiva manutenzione dell’alveo e degli argini del torrente, con la richiesta di intervento e proposta di migliore sfruttamento naturalistico di tutta la zona.
“L’argine – spiega Antonio Ruta / viene costantemente usato da ignoti come discarica a cielo aperto, con l’abbandono di rifiuti speciali, materiale edile di risulta, vecchi mobili, pneumatici e finanche vecchie valige e reti da letto. Come dichiaratoci dai nostri interlocutori, la situazione è già stata segnalata da diversi mesi all’amministrazione comunale che, però, non è intervenuta.
Inoltre, da una nostra ricognizione sui luoghi, sia pure sommaria, abbiamo potuto constatare che l’alveo, e la zona circostante, non ricevono adeguata manutenzione, come dimostrato anche dalla presenza di una grossa voragine, probabile residuo dell’ultima alluvione di due anni fa.
A tal proposito, ricordiamo che l’innumerevole presenza di detriti, le erbacce sull’alveo stesso e lungo gli argini, potrebbero rappresentare la causa di inconvenienti gravi, come quelli del 23 gennaio 2017, e questo, a dispetto delle rassicurazioni meramente labiali dell’amministrazione, deve essere scongiurato nei fatti”.
100 Passi per la Sicilia chiede, quindi, quindi, che l’intera zona venga immediatamente bonificata, che l’alveo e gli argini del torrente vengano ripuliti da rifiuti, detriti ed erbacce e cogliamo l’occasione per suggerire anche un progetto di interesse turistico che, partendo dall’ex Foro Boario, ancora un cantiere aperto, e attraverso la destinazione del torrente medesimo in percorso di interesse naturalistico, possa garantire la massima tutela di questa parte importante del territorio cittadino da qualsivoglia, anche solo ipotetico, interesse speculativo di privati.

1 commento

  1. @ 100 passi :
    “cittadino” ha prove di quanto è accaduto , chiede solo di essere ascoltato . .

    Questo un suo commento :
    >>> Organizzate un bel incontro pubblico e vi proverò , carte alla mano scientificamente cosa è accaduto quella notte piovosa di gennaio .
    Per sicuro non vi si darà autorizzazione per un consiglio comunale aperto , quindi pianificate in altro luogo .
    Invitate tutti i danneggiati ed i residenti di via Fontana .<<<

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

quindici − undici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.