Marina di Modica. Il 2 agosto si ride con lo spettacolo “Vi racconto il mio Mudù” di Uccio De Santis, promosso dalla Fondazione Teatro Garibaldi.

Risate, tante risate per un venerdì dal ritmo irresistibile. Con lo spettacolo “Vi racconto il mio Mudù”, un sorprendente Uccio De Santis colorerà del suo brio una spassosissima serata in programma il prossimo 2 agosto, alle ore 22.00.
Sarà l’Auditorium Mediterraneo a Marina di Modica, scelto come location estiva d’eccezione, a ospitare questo appuntamento, un fuori abbonamento della stagione di prosa della Fondazione Teatro Garibaldi, con la direzione artistica di Giovanni Cultrera, sovrintendente Tonino Cannata.
Con barzellette, scenette, freddure il comico pugliese, seguitissimo sui social e su YouTube grazie a video irrefrenabili, ripercorrerà la sua carriera. Due ore di show che coinvolgeranno il pubblico in momenti davvero esilaranti, tra monologhi, canzoni, gag dal carattere eccezionalmente scoppiettante.
La Fondazione Teatro Garibaldi vicina al suo pubblico anche durante l’estate con l’importante novità della nuova location: “Ci spostiamo in occasione dell’estate all’Auditorium Mediterraneo di Marina di Modica – commentano il direttore Cultrera e il sovrintendente Cannata – che accoglierà i nostri affezionati spettatori nella sua bella cornice per una serata dal divertimento assicurato”.
I biglietti sono acquistabili al botteghino del teatro o su https://www.ciaotickets.com/biglietti/uccio-de-santis-vi-racconto-il-mio-mudu-modica.
Per info www.fondazioneteatrogaribaldi.it

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI