Corsa su strada a Modica: al “Memorial Raffaele Denaro” correrà anche una ragazza non vedente

0
1697

Al sesto Memorial “Raffaele Denaro”, gara di corsa su strada che si correrà domenica mattina a Modica, sarà presente anche Stefania Caccamo, una ragazza non vedente di origini modicane ma residente a Roma che avrà due accompagnatori d’eccezione, Daniela Ruta della Running Modica e Rosario Giannone del Castello Città di Modica. Di solito per correre bastano un paio di scarpe, una strada e, soprattutto, tanta buona volontà. Stefania Caccamo ha tutto questo ma ha bisogno, rispetto agli altri, un cordino e qualcuno che le corra accanto. Questo qualcuno sono, appunto, Ruta e Giannone. “Ho deciso di partecipare – spiega l’atleta – perchè per me è un onore potere finalmente correre nella mia bella Modica e perchè vorrei fare toccare con mano ai miei concittadini la bellezza della condivisione di questo sport, in vista del raggiungimento di un obiettivo comune”. Saranno oltre 500 gli atleti in gara nelle diverse categorie. Per Stefania Caccamo l’avventura sportiva è iniziata nel 2017 per i parchi di Roma con gli atleti della società Villa De Sactis, per la quale difenderà anche stavolta i colori. Da allora sono due anni di soddisfazioni. “Grazie alle mie infaticabili guide – spiega l’atleta – siamo riusciti a raggiungere tanti traguardi tra cui oltre alle numerose gare sui 10 chilometri, la mezza maratona di Roma Ostia e per ultima, lo scorso 7 aprile, la mia prima maratona a Roma. I miei tempi non sono affatto eccezionali ma la mia ricompensa è l’emozione che provo ogni volta che taglio il traguardo”. Domenica prossima Stefania Caccamo correrà per le strade di Modica, magari i suoi occhi non vedranno la gente la gente che l’applauderà, ma gli occhi della gente riusciranno sicuramente a leggere quell’emozione che Stefania raggiungerà quando taglierà il traguardo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

dodici − 8 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.