Celebrata a Ragusa la festa della fondazione dell’Arma dei Carabinieri

0
687

In occasione del 205° Annuale di Fondazione dell’Arma dei Carabinieri si è tenuta una cerimonia commemorativa all’esterno della Caserma del Comando Provinciale dei Carabinieri di Ragusa, durante la quale il Comandante Provinciale, Federico Reginato, ha ripercorso l’impegno dei Carabinieri in provincia nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2018 e il 31 maggio scorso, alla presenza del Prefetto, Filippina Cocuzza, del Presidente del Libero Consorzio della Provincia Salvatore Piazza, del Sindaco della Città di Ragusa Giuseppe Cassì, del Presidente del Tribunale di Ragusa, Biagio Insacco, del Procuratore della Repubblica di Ragusa, Fabio D’Anna, del Questore Salvatore La Rosa, del Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Giorgio Salern, dei Comandanti Provinciali dei Vigili di Fuoco, dei responsabili delle altre Forze di Polizia e Forze Armate e di numerose altre autorità civili, militari e religiose, di una rappresentanza del personale della sede e dell’Associazione Nazionale Carabinieri.
Tante sono state le operazioni condotte quest’anno, sul fronte del contrasto alla criminalità, che non solo hanno avuto anche grande risalto sugli organi di informazione ma hanno soprattutto restituito serenità a comunità impaurite, assicurando alla Giustizia gli autori di crimini anche efferati. Nell’ultimo anno, l’intero Comando Provinciale ha espresso sul territorio oltre 22mila servizi esterni, procedendo al controllo di 87.309 soggetti. Statistiche che sottolineano un quadro di efficienza del “sistema sicurezza” nella nostra provincia e che ci indicano che la strada intrapresa tutti insieme, dalle Forze di Polizia e dall’Autorità Giudiziaria, è quella giusta. Un sistema in cui l’Arma contribuisce in maniera significativa a garantire la sicurezza e l’ordinata convivenza civile in questa provincia, con un impegno di grande responsabilità nella considerazione, tra l’altro, che negli ultimi 12 mesi ha proceduto nei riguardi di oltre il 67% dei 13.516 delitti denunciati alle Forze di Polizia in tutta la provincia, dei quali 2.575 quelli scoperti proprio grazie all’attività svolta dai Carabinieri.

I risultati operativi dei militari dell’Arma, sono la conferma del forte impegno del Comando Provinciale a seguire attentamente tutti i fenomeni e le manifestazioni che incidono sulla sicurezza e sull’ordinata e civile convivenza del territorio. In stretta sinergia con l’Autorità Giudiziaria, è stata accresciuta l’efficacia dell’azione di contrasto alla criminalità diffusa, con una più incisiva attività investigativa e, nell’ambito dei piani coordinati di controllo del territorio, con una più capillare attività di vigilanza dei centri abitati, frazioni, contrade, aree rurali, fornendo risposte rapide ed efficaci anche sul piano repressivo di fronte ad eventi criminosi di particolare allarme sociale.
Dal 1 gennaio 2018 al 31 maggio 2019 gli arresti eseguiti sono stati 541 dei quali 348 in flagranza di reato mentre le persone deferite in stato di libertà sono state 2.776.
Particolarmente efficace si è rivelata l’attività di repressione in materia di reati contro il patrimonio, a testimonianza dell’imponente impegno profuso in termini preventivi dalle articolazioni dell’Arma dislocate sul territorio, con particolare riferimento all’opera di controllo svolta dalle Stazioni Carabinieri, non solo nei paesi in cui esse hanno sede, ma anche nelle campagne ricadenti nelle rispettive giurisdizioni.
In tale contesto, si collocano anche le operazioni di polizia giudiziaria delle articolazioni di questo Comando Provinciale che hanno consentito di scoprire il 56% delle rapine perpetrate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

uno × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.