Servizi Sociali Ragusa, Rivillito (CasSìndaco): “Nostro Ente si conferma tra i più efficienti di Sicilia”

0
220

“Il Distretto socio-sanitario 44, con il Comune di Ragusa quale ente capofila, è tra i primi in Sicilia ad aver completato positivamente le procedure necessarie per l’avviso del 4/2016 riguardante Proposte di intervento per il contrasto alla grave emarginazione adulta e alla condizione di senza dimora con somme ripartite tra il Fondo Sociale Europeo, programmazione 2014-2020, il Programma Operativo Nazionale Inclusione e il Fondo di Aiuti Europei agli Indigenti. 155mila euro la somma assegnata al nostro Distretto”. Lo comunica il Consigliere comunale di Ragusa Luca Rivillito, del gruppo Peppe CasSìndaco, consulente del primo cittadino in materia di Servizi sociale.

“Si è svolta pochi giorni fa, infatti – racconta il consigliere – una riunione a Palermo, presso l’Assessorato regionale alle Politiche Sociali e alla quale ho preso parte rappresentando l’Amministrazione Cassì, nel corso della quale sono stati affrontati questi temi alla presenza dei funzionari regionali e dei consulenti del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. E’ emerso, come già detto, che il nostro Comune è uno dei pochi sull’Isola ad aver già completato le procedure necessarie per vedersi assegnate le risorse che, però, tarderanno ad arrivare fin quando anche gli altri distretti non avranno concluso l’iter previsto. Per velocizzare il tutto, i tecnici del Ministero hanno suggerito a tutti gli amministratori, noi compresi, di ridurre la complessità dei progetti presentati, snellendoli, in modo da renderli rispondenti alle strette necessità dei territori in cui si opera. Lavoro semplice per il Distretto socio-sanitario 44 e il Comune di Ragusa che ha aderito lo scorso 6 dicembre ed ha già assolto tutti gli altri adempimenti necessari inserendo nel proprio strumento finanziario di previsione i campitoli necessari per la gestione di queste risorse”.

“Durante la stessa riunione – racconta ancora Rivillito – è stato possibile avviare un confronto con un tutor del Ministero per quanto riguarda, invece, l’assunzione, anche a tempo determinato, di altre unità da impiegare nel Settore Servizi Sociali del Comune di Ragusa, come è stato già fatto con i tre assistenti sociali assunti grazie al PON Inclusione. Non mi stancherò mai di ricordare che grazie a queste risorse in più il Comune di Ragusa è riuscito a velocizzare parte del lavoro nel settore già menzionato e si prevede che al 31 dicembre 2019 ammonterà a un milione e mezzo di euro la somma gestita dal progetto. Un traguardo grazie al quale abbiamo ricevuto i complimenti dei funzionari regionali e dei consulenti ministeriali. Adesso per il nostro Ente c’è l’opportunità di assumere un amministrativo full-time e uno part-time, figure importantissime per il nostro settore che è ancora in carenza di personale”.

“Gli uffici sono già all’opera per esaminare le graduatorie nazionali e regionali cui si deve attingere per legge – conclude il consigliere – e pensiamo che in breve tempo sarà possibile avere in carico anche queste risorse umane da utilizzare entro fine dell’anno”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

8 + due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.