Omicidio Partenza a Modica, i due giovani accusati dovranno svolgere anche attività di volontariato

0
1104

Ieri l’accoglimento da parte del Tribunale. Dovranno entrambi sostenere un periodo di prova di trenta mesi: il più giovane dovrà frequentare anche un corso professionale e svolgere attività lavorativa, e tutti e due dovranno svolgere attività “ricreative” e di volontariato presso un’associazione di Modica. Questo il contenuto dell’ordinanza emessa dal Tribunale per Minori di Catania a conclusione del processo nei confronti dei due ragazzi modicani, difesi dagli avvocati Francesco Biazzo del Foro di Ragusa e Gianluca Ballo del Foro di Bologna, accusati di omicidio preterintenzionale per la morte del modicano Angelo Partenza e che all’epoca dei fatti avevano 15 e 16 anni. L’anziano fu trovato senza vita il 3 febbraio 2017 dalla sorella. I due giovani(uno nel frattempo è diventato maggiorenne)dovranno anche sottoporsi a periodici incontri clinici con degli psicologi assieme ai genitori. Gli assistenti sociali hanno dato la disponibilità per iniziare il percorso da settembre, ma nei mesi da maggio ad agosto dovranno comunque “attenzionarli” e impegnarli in attività simili.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

4 × 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.