“Personaggi letterari degli iblei 1839 – 1925. Profili critici e testi”: l’ultima pubblicazione letteraria di Domenico Pisana

0
540

“Personaggi letterari degli iblei 1839 – 1925. Profili critici e testi”: è questo il titolo dell’ultima pubblicazione del modicano Domenico Pisana, edita a fine gennaio da Periferie Edizioni di Ragusa, che in copertina riproduce un’opera del compianto M° Piero Guccione , “Ombre sugli iblei 1985-1988”.
L’opera, divisa in due parti, passa in rassegna alcuni personaggi iblei che si sono distinti nel campo della poesia e della narrativa. Il primo sguardo di Pisana è su autori illustri della grande Letteratura, come Quasimodo, Bufalino e Capuana( quest’ultimo ha avuto molti contatti con l’area iblea e in particolare con l’antica Spaccaforno, oggi Ispica), quindi si sposta su altri personaggi: Giuseppe Iozzia Fronterrè (1868-1930), poeta satirico ispicese; Giorgio Occhipinti(1872-1959), sacerdote, poeta e scrittore ragusano; Benedetto Ciaceri( 1902- 1965), commediografo, narratore, di Pozzallo; Salvatore Puma (1907-1986), poeta cantastorie di Modica; Giovanni(detto Nannino) Ragusa(1911-1979), poeta e dialettologo modicano; Raffaele Poidomani Moncada (1912-1979), giornalista, poeta e scrittore modicano; Giorgio Battaglia (1914- 2005), preside, scrittore e critico letterario di Modica; Venerando Fallisi (1915 -1996), sacerdote e poeta di Buccheri, ma di adozione modicana; Carmelo Lauretta(1917 – 2011) poeta, scrittore dialettale e critico letterario di Comiso; Nino Barone (1919 -2009) preside, scrittore e poeta di Modica; Renato Civello(1920 – 2012), preside , poeta, critico d’arte e letterario di Modica; Giorgio Candiano( 1921 – 1994) poeta, umanista e traduttore modicano; Carmelo Pluchinotta( 1922 – 2003), poeta, pittore e giornalista di Pozzallo; Mario Agosta( 1924 – 2003), docente e scrittore modicano; Elio Galfo ( 1925 – 1996), medico e poeta.
Di ogni autore, Domenico Pisana traccia un profilo critico ed un’analisi di testi poetici e narrativi, corredando il suo excursus di foto e di una selezione di brani tratti dalle singole opere.
“La mia attività letteraria – spiega Domenico Pisana – mi ha permesso in questi anni di entrare in contatto con poeti e scrittori dell’area iblea tra passato e presente. Ho pensato, pertanto, di dar vita, in più volumi, ad un quadro panoramico di Letteratura iblea, nel quale far convergere ricerche, saggi, studi e interventi critici che, lungo il cammino, ho effettuato su alcuni personaggi da me, per un motivo o per un altro, presi in considerazione. La scelta degli autori inclusi nel volume non ha dunque alcun carattere di selettività , ma risulta solamente dettata da occasioni varie: interesse per gli autori, letture, presentazioni, convegni e conferenze, approfondimenti vari su giornali e riviste; la vasta produzione letteraria determinata da queste circostanze mi ha infatti permesso di costruire un patrimonio scrittorio che ho ritenuto di non poter lasciare nell’oblio, donde la sua pubblicazione per le generazioni future. Nella stesura di questo volume , pertanto , – prosegue Domenico Pisana – , non ho pensato, chiaramente, ad una storia della Letteratura iblea, che sarebbe cosa più complessa e richiederebbe un immane lavoro di studio e di ricerca, ma – se mi si consente – alla raffigurazione di Medaglioni Letterari ove spiccano figure e personaggi che, a loro modo, hanno contribuito a rendere sempre vivo, rilevante, solido, e significativamente alto il livello culturale dell’Area degli Iblei. Per fissare l’ordine di disposizione di questi personaggi, – conclude Pisana -, ho ritenuto di seguire il criterio della nascita, dando, tuttavia, la priorità di apertura del volume ad autori già consacrati dalla grande Letteratura: il riferimento è a Capuana, Quasimodo e Bufalino, i quali non potevano certamente mancare, considerati le radici o i loro legami con la terra iblea, e se pur con brevi note critiche, atteso che gli studi su questi autori sono ampi e vasti e già strutturati nell’ambito della bibliografia critica ufficiale” .
Il volume, già nelle librerie, sarà presentato al Caffè Quasimodo di Modica nel sabato letterario del 6 aprile, che si terrà alle ore 17,30 al Palazzzo della Cultura. A parlare dell’opera sarà Dario Stazzone dell’Università degli Studi di Catania, docente di Italianistica e Presidente del Comitato Dante Alighieri di Catania. La serata, che sarà coordinata da Salvatore Paolino, vedrà il saluto del sindaco di Modica , Ignazio Abbate, e dell’assessore alla cultura, Maria Monisteri. Giovanna Drago, Giovanni Blundetto, Eleonora Cannizzaro e Daniele Voi leggeranno brani degli autori illustrati nel volume, mentre il Duo “Estrella”, composto dal M° Lino Gatto, alla chitarra, e di Ilde Poidomani, voce, animeranno la serata.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

diciotto − quindici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.