Ragusa. Cantieri di Servizi, Rivillito: “Dalla Regione ancora nessuna novità”

0
375

“Dobbiamo purtroppo registrare un rallentamento nella procedura relativa all’avvio dei Cantieri di Servizi dell’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Ragusa perché, pur essendo riusciti nei tempi corretti a ricevere le moltissime richieste da parte dell’utenza e a stilare celermente la relativa graduatoria, dalla Regione non abbiamo avuto più nessuna risposta”. Lo dichiara Luca Rivillito, Consigliere comunale del gruppo Peppe CasSìndaco e consulente del primo cittadino in materia di welfare.
“Sulla questione mi sono già confrontato con l’assessore Luigi Rabito – racconta Rivillito – e pensiamo che si dovrà chiedere quanto prima un incontro con i vertici dell’Assessorato regionale competente per capire cosa stia succedendo. Purtroppo questa situazione sta generando anche un po’ di confusione con gli assistiti del nostro assessorato perché, invece, in contemporanea, sono partiti i progetti relativi ai Lavori di Pubblica Utilità che, però, fanno parte dei Pon Inclusione e sono destinati esclusivamente ai possessori di carta REI. Alcuni utenti ai quali non è del tutto chiara la differenza tra le diverse graduatorie hanno lamentato il fatto che alcuni assistiti avevano cominciato a lavorare ed altri no. Ecco, mi preme sottolineare che si tratta di due misure completamente diverse, che sono a valere di finanziamenti distinti. Mentre per ciò che riguarda il Pon Inclusione la procedura è stata rapida non solo da parte dei nostri uffici, ma anche in termini di risposta da chi di dovere, lo stesso non è successo per i Cantieri di Servizi. L’ultima comunicazione che abbiamo ricevuto a proposito da parte della Regione, infatti, risale allo scorso novembre e riguardava l’avviso di proroga al 31 dicembre 2018 per la presentazione delle domande. Da allora nessun’altra comunicazione”.
“Pensiamo – conclude Rivillito – che il recentissimo avvicendamento nella Giunta regionale del neo assessore Antonio Scavone al posto del precedente Mariella Ippolito possa aver causato dei rallentamenti nelle procedure degli uffici palermitani. Siamo convinti, tuttavia, che dovrà trattarsi di un intoppo di breve durata e, in ogni modo, insieme all’assessore Rabito, si farà di tutto per venire a capo di questo problema”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

2 × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.