Il capogruppo M5s Ragusa Zaara Federico sulla vicenda del personale di pulizia degli immobili per conto dell’ente

“L’intervento della Fisascat Cisl riferito alla mia nota diffusa ieri ci sembra fuori luogo completamente oltre che ad avere sbagliato completamente il bersaglio”. Lo dice il capogruppo del Movimento Cinque Stelle al Consiglio comunale di Ragusa, Zaara Federico, a proposito della vertenza del personale che si occupa della pulizia degli immobili per conto dell’ente di Palazzo dell’Aquila. “Il mio riferimento, infatti, pochi o molti che fossero i lavoratori, non ne facciamo una questione di numeri ma di dignità – sottolinea Federico – era ai dipendenti iscritti alla Cisal Terziario i cui rappresentanti sindacali, guarda caso dopo il mio intervento, sono stati convocati per lunedì pomeriggio dall’amministrazione comunale per un confronto sulle questioni da me sollevate in aula. Non capisco, dunque, quale sia il tenore delle lamentele della Fisascat visto che l’obiettivo comune deve essere quello della tutela del personale e non certo una malcelata competizione tra sigle sindacali. Riguardo al fatto poi che il bando sarebbe stato predisposto dalla precedente Giunta, non si capisce cosa avrebbe impedito a quella attuale di apportare eventuali modifiche, così come richiesto dal sindacato. A ogni modo, visto che sulla questione è opportuno fare piena luce, approfondirò ulteriormente l’argomento perché si possano individuare le soluzioni migliori per i lavoratori. Con l’auspicio che la Fisascat Cisl sia su questa stessa lunghezza d’onda”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI