Aggredito a Comiso un ausiliario del traffico. Dichiarazione del sindaco, Maria Rita Schembari

0
337

“Esprimo, a nome della giunta e di tutta la città, la piena solidarietà e la forte vicinanza a Massimo Cubisino, aggredito e malmenato ieri mattina, davanti all’ingresso della scuola primaria Senia, dove svolgeva  le sue mansioni di ausiliario del traffico”. E’ il sindaco di Comiso,  Maria Rita Schembari, a manifestare la vicinanza all’ausiliario del traffico dopo essere andata a trovarlo  in ospedale, per portargli il mio affetto personale ed il grazie
dell’amministrazione comunale. “Ciò che è accaduto ieri è un episodio assolutamente inqualificabile e privo di alcuna giustificazione. Cubisino mi ha raccontato di aver
fermato un automobilista, facendo rilevare che stava percorrendo la strada in senso contrario rispetto alla direzione di marcia  obbligatoria. Costui, all’improvviso, sarebbe sceso dall’auto, sferrando  calci e pugni”. Massimo Cubisino si trova ora ricoverato nell’ospedale di  Vittoria, nel reparto di Chirurgia generale.
Il comandante della Polizia municipale, Anna Dibennardo, si è già attivata per avviare le procedure previste dall’assicurazione. L’operatore ha già presentato denuncia alla Polizia e fornito gli elementi di sua conoscenza per giungere ad individuare il responsabile. “Mi auguro – aggiunge il sindaco – che presto si possa giungere a conclusione di questa terribile vicenda. La giunta valuterà, nel prosieguo, se e quali azioni intraprendere per tutelare chi svolge un ruolo, sia pure di volontariato, collaborando con l’amministrazione comunale per una funzione importante, qual è la tutela e la sicurezza dei nostri bambini nei pressi delle scuole.Mi auguro soprattutto che Massimo possa riprendersi al più presto e superare questo brutto momento. A lui, che proprio, nel giorno della brutale aggressione, compiva 50 anni, auguro di poter presto festeggiare con serenità insieme a tutta la sua famiglia”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

3 × 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.