“La donazione degli organi moltiplica la vita”. Un confronto dell’Aido con gli studenti di Ispica delle scuole Curcio e Padre Pio

0
420

“La donazione degli organi moltiplica la vita”. Questo il tema dell’incontro che si è svolto stamattina nell’aula magna dell’Istituto Curcio fra studenti e responsabili AIDO (Associazione Italiana Donatori Organi). Sono stati presenti gli studenti di tutti gli indirizzi liceali e gli studenti di scuola media dell’Istituto Comprensivo Padre Pio da Pietrelcina di Ispica. Lo spunto alla conferenza è stato dato dal ripristino, dopo quattro anni, in Sicilia del premio letterario Nicholas Green, il premio istituito dalla Legge Regionale n 15 del 95 per mantenere vivala memoria del bimbo statunitense morto nel 1994 a 7 anni in un incidente sulla Salerno-Reggio Calabria, i cui organi sono stati donati dai genitori per salvare la vita a sette italiani.L’incontro Liceo Curcio di Ispica è voluto essere un primo incontro provinciale divulgativo del premio e soprattutto del tema della donazione di organi. Dopo diversi anni di oblio del premio, l’Assessorato Regionale Istruzione e Formazione retto dall’assessore Roberto Lagalla ha decretato il rifinanziamento del premio proprio dall’anno scolastico 2018-2019 accogliendo le sollecitazioni delle associazioni di volontariato e dell’Associazione Nazionale Presidi rappresentata in Sicilia dal vicepresidente nazionale Maurizio Franzò, dirigente scolastico dell’Istituto di istruzione superiore Curcio di Ispica e dell’Istituto Comprensivo Padre Pio.
In ogni provincia sono stati istituti 9 premi annuali destinati ad alunni della scuola primaria, secondaria di primo e di secondo grado.
A relazionare il dirigente scolastico degli istituti Curcio e Padre Pio di Ispica Maurizio Franzò, il referente regionale AIDO (Associazione Italiana Donazione Organi) Giuseppe Distefano che ha raccontato la sua scelta di vita di donare gli organi di suo figlio Luigi morto a 19 anni. Sono anche intervenuti i delegati provinciale dell’Aido Maurizio e FrancescoPluchino, rispettivamente padre e cugino di Damiano morto lo scorso dicembre dopo aver sperato in un trapianto di polmone che non è arrivato. I racconti forti dei relatori hanno emozionato molto la platea di docenti e studenti che, al termine dell’incontro, si è stretta in un abbraccio a Giuseppe Distefano e a Maurizio e Francesco Pluchino con gratitudine per il dono della testimonianza. “Crediamo molto nella valenza formativa di questi momenti – ha detto il preside Maurizio Franzò – e l’istituto Curcio sarà in prima linea per la promozione di una sensibilizzazione capillare sul tema in tutte le scuole della provincia”.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

cinque + 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.