Modica, il direttivo di “Confronto” ha definito il proprio programma di attività

0
560

“L’azione propositiva, portata avanti da anni nei confronti della nostra Classe Dirigente della provincia di Ragusa, non può essere oggetto di promesse non mantenute , a dispetto di quanti, come noi, operano a difesa di un’area dalle straordinarie potenzialità che si è sempre saputo distinguere. L’impegno profuso per lo svolgimento di un ruolo costruttivo a favore del territorio ibleo, degno della massima considerazione, non può rimanere con riscontri approssimativi che continuano a deludere le attese dei cittadini e dei contribuenti di una provincia, come quella di Ragusa, costretta a subire le conseguenze negative della marginalità geografica, resa ancora più penalizzante dalla precaria realtà e dalla condizione dei collegamenti oltre che dal sempre più marcato isolamento politico che ci vede fuori da ogni centro decisionale e di potere”
E’ questa la considerazione con la quale sono stati avviati i lavori del Consiglio Direttivo, allargata ai vari rappresentanti delle consulte sociali, imprenditoriali e produttive, dell’associazione provinciale “Confronto”, convocata e presieduta da Enzo Cavallo per definire il programma di attività per l’anno 2019 e che si è trasformata in una significativa occasione per avviare una convinta ed incisiva azione tesa alla riorganizzazione ed al rilancio dell’associazione chiamata a sollecitare e a sostenere l’attività di chi, governando ed amministrando, è preposto a decidere a favore del territorio ibleo, dei cittadini che lo abitano e degli imprenditori che su di esso investono, lavorano, occupano e producono.
“La nostra stata una riunione alquanto animata. Alla fine però è stato confermato il ruolo collaborativo di “Confronto”: in questa nuova e rinvigorita fase associativa apartitica se è vero il nostro intento non è quello di schierarci contro chi governa o chi amministra e restiamo schierati dalla parte dei cittadini, ma è anche vero che siamo pronti, se costretti, ad alzare il tiro. Sulle tante questioni aperte o che apriremo, confidiamo nell’attenzione, nell’impegno e nell’azione di tutta la classe dirigente iblea che vorremmo vedere unitariamente impegnata verso obbiettivi comuni nell’interesse di una provincia ovunque e sempre considerata isola nell’isola ma che su tante cose continua a segnare il passo”
Nel corso del dibattito, alquanto partecipato, sono stati individuati argomenti, aventi per oggetto le infrastrutture , la sanità, lo sviluppo turistico, il rapporto con le Amministrazioni locali, la sicurezza, ecc., che saranno oggetto di specifici documenti che saranno diffusi nei prossimi giorni.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

16 − 13 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.