Cerca
Close this search box.

Omicidio Loris a S.Croce Camerina. La madre era in grado di intendere e di volere

Veronica Panarello era in grado di intendere e di volere. Lo ribadiscono i giudici della Corte di Appello di Catania che hanno depositato la sentenza e le motivazioni contenute in 174 pagine del processo celebrato lo scorso 5 luglio che ha confermato la condanna di primo grado a 30 anni di reclusione per la mamma del piccolo Loris Stival, ucciso dalla donna il 29 novembre 2014 a Santa Croce Camerina.
Le diverse versioni che Panarello ha fornito, secondo i giudici, non sono frutto di un disturbo della personalità e di un processo di verità progressiva come sostenuto dal suo legale ma “i tasselli di una deliberata e dolosa strategia manipolatoria e falsificatrice della realtà, in un’ottica di adeguamento progressivo della propria linea difensiva alle diverse emergenze procedimentali”.
La donna, quindi, avrebbe avuto un diverbio con il figlio che non voleva andare a scuola e lo avrebbe coscientemente ucciso. Sostanzialmente prima avrebbe effettuato un sopralluogo al canalone, poi sarebbe rientrata a casa, avrebbe parcheggiato l’auto in garage per caricare il corpo del figlio di 8 anni appena ucciso.

387119
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top